Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Pallanuoto, Rapallo-Bogliasco. Sinatra: “È stato emozionante”. Antonucci: “Le ragazze sono in crescita” foto

Rapallo. Per Mario Sinatra, al termine della gara tra Rapallo e Bogliasco, l’affetto di tante ragazze, della prima squadra e delle giovanili. Diciassette anni lunghi non si cancellano con un cambio di casacca.

L’allenatore della Rari Nantes Bogliasco dichiara: “Alla fine è il risultato giusto. E’ stato un bel derby, tra due squadre giovani, tanti errori: potrebbe essere un video didattico per mostrare ai giovani quello che non si deve fare. Per contro ci sono state anche belle giocate. Partita combattuta, con la giusta tensione. Credo sia passato un bel messaggio. Noi abbiamo commesso ingenuità, dobbiamo crescere, soprattutto in difesa. Le ragazze devono capire che nei momenti di stanchezza devono essere più lucide di testa e gestire meglio certi palloni. L’obiettivo di quest’anno è di crescere: abbiamo dieci punti in cinque partite, lo stiamo facendo. Il Rapallo è una buona squadra e questa è una vasca difficile, pur non avendo brillato, va bene così”.

“Per me è stato emozionante perché diciassette anni sono tanti, non so quanti allenatori hanno vissuto un’esperienza simile, partendo quasi da zero ed arrivando dove siamo arrivati noi – spiega Sinatra -. Quindi tante emozioni ma con la società non ci sono problemi a parte con un paio di persone con le quali non ho rapporti. Non mi interessa. La mia tensione era la stessa di quando abbiamo giocato a Catania, o contro il Prato, o quella che avrò contro il Cosenza, la prossima volta. Ripeto: questo è stato un bel derby”.

“Nel primo tempo abbiamo commesso troppi errori, soprattutto in fase difensiva – commenta la numero 11 del Rapallo, Aleksandra Cotti -. In attacco abbiamo invece giocato meglio rispetto alle partite precedenti, siamo state più tranquille e ordinate. Complimenti al Bogliasco, artefice di una buona prestazione”.

“Di solito vince chi sbaglia meno ed approfitta degli errori della squadra avversaria: in questo caso, né noi né il Bogliasco siamo riuscite a sfruttare le occasioni a favore – aggiunge Simona Abbate -. Siamo state più presenti e grintose rispetto alle uscite precedenti”.

“Abbiamo pagato lo scotto dei due gol presi all’inizio del match, non abbiamo compreso l’interpretazione arbitrale in entrambe le occasioni – conclude Luca Antonucci, tecnico del Rapallo -. Al di là del risultato è però importante la crescita mostrata dalle ragazze: la nostra miglior realizzatrice in questa partita è stata Silvia Avegno, classe ’97. Fino ad ora abbiamo perso solo contro le ‘corazzate’ Imperia e Padova, quindi va bene così, puntiamo a migliorare partita dopo partita”.