Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Pallanuoto, A1 femminile: il Rapallo vince (e convince) contro l’Orizzonte Catania risultati

Rapallo. Nona giornata del campionato e piscina del “Poggiolino” pronta ad ospitare la “classica” della pallanuoto al femminile: le padrone di casa del Rapallo ricevono le storiche avversarie dell’Orizzonte Catania. Rosa al completo per il tecnico gialloblù Antonucci per un match che, per la formazione rapallese, è un importante test per verificare le reali potenzialità.

Primo tempo. Palla al Rapallo con Cotti. Tira Ioannou, Harache alza sulla traversa. Ci prova Abbate ma colpisce l’incrocio dei pali. Apre le marcature Palmieri, 0-1 per Catania. A 2’24” rigore per l’Orizzonte: se ne incarica Di Maio, gol. Replica dalla parte opposta Sonia Criscuolo, è 1-2. Ancora Orizzonte, con Claudia Marletta che supera Lavi in superiorità. La prima frazione di gioco si conclude con le ospiti avanti di 2 reti.

Per le rapallesi accorcia ancora le distanze Marilena Sessarego, sfruttando l’uomo in più. Il tempo si conclude sul 3 a 2 per la squadra catanese.

Secondo tempo, ci prova dalla distanza Simona Abbate ma la palla si stampa sull’incrocio dei pali. Cambio di fronte, scende sulla sinistra Silvia Avegno ma il suo tiro esce di poco; ci riprova poco dopo Cotti, la sua palombella sfiora la traversa. Agguanta il pareggio la stessa Aleksandra Cotti, in superiorità: 3-3.

Tiro di Abbate, la sfera si ferma sulla linea di porta. Controfuga Rapallo, ma la conclusione di Ioannou centra Harache. Dalla parte opposta tenta Grillo, brava Lavi ad opporsi. Il Rapallo passa a condurre a 1’23” dalla fine del tempo: il tiro di Abbate colpisce il palo; fatale e fortunosa la deviazione in porta di Harache.

Cambio campo, pareggia l’Orizzonte con Palmieri: beduina al centro che non lascia scampo a Lavi. Risponde con una palombella capitan Criscuolo, che supera il portiere neozelandese dell’Orizzonte. Ancora Sonia Criscuolo in superiorità dopo il time-out chiesto da mister Antonucci: Rapallo a +2. Restano in attacco le gialloblù, ma i tre tentativi consecutivi sono sventati dal portiere delle siciliane. A 1’49” dalla fine del tempo c’è l’espulsione definitiva per la numero 12 locale Carolina Ioannou. Martina Miceli chiede il time-out. Riprende il gioco e Grillo approfitta della superiorità: 6-5. Ci pensa Cotti a tenere le avversarie a distanza di sicurezza, sua la firma del 7-5.

Quarto tempo e gialloblù che incrementano il vantaggio con Silvia Avegno: 8-5. L’Orizzonte tenta la rimonta: prova dalla distanza Claudia Marletta, Lavi si oppone. Fallo di Palmieri su Tankeeva, cartellino rosso per la numero 7 dell’Orizzonte. A due minuti e mezzo dalla fine del tempo, rigore per l’Orizzonte: davanti a Lavi si presenta ancora capitan Di Mario che non sbaglia. Cambio di fronte, resta in attacco il Rapallo ma l’azione si conclude con un nulla di fatto. Di nuovo Orizzonte, brava Aleksandra Cotti ad interrompere l’azione delle avversarie. Chiude in attacco l’Orizzonte ma il tiro alzato da Lavi sopra la traversa precede il suono della sirena. Finisce 8 a 6, per il Rapallo sono 3 punti importantissimi al termine di una prestazione più che convincente.

“Non abbiamo mollato di un centimetro per tutta la partita – commenta Luca Antonucci -. L’Orizzonte non è certo l’ultima arrivata, quindi devo fare veramente i complimenti a tutte le ragazze per come hanno interpretato il match sia in attacco che in difesa. Anzi, avremmo anche potuto fare qualcosa in più, commettendo qualche errore di troppo in attacco ma dettato più che altro dalla foga di voler far bene. Sono molto soddisfatto”.

Il tabellino:
Rapallo Pallanuoto – Orizzonte Catania 8-6
(Parziali: 2-3, 2-0, 3-2, 1-1)
Rapallo Pallanuoto: Lavi, Abbate 1, Zerbone, Avegno 1, Sessarego 1, Sgrò, Tankeeva, S. Criscuolo 3, Mori, C. Criscuolo, Cotti 2, Ioannou, Risso. All. Antonucci.
Orizzonte Catania: Harache, Greenwood, Di Stefano, Santapaola, Di Mario 2, Grillo 1, Palmieri 2, Marletta 1, Aiello, Riccioli, Lombardo. All. Miceli.
Arbitri: Colantoni e Romolini.
Note. Superiorità numeriche: Rapallo 4 su 5 e Orizzonte 4 su 11 più 2 rigori segnati. Uscita per limite di falli nel quarto tempo Ioannou; espulsa per scorrettezze nel quarto tempo Palmieri.