Quantcast
Cronaca

Natale a Rapallo, maggioranza a Capurro: “Vendetta o voglia di visibilità? Attacchi personali e polemiche sterili”

Natale rapallo, giostra, villa devoto

Rapallo. “Leggendo le cronache riportate dai giornali, in particolare i “soliti” e ripetuti attacchi del consigliere d’opposizione Armando Ezio Capurro, sorge spontanea una domanda: qual è il vero scopo dell’attivissimo consigliere, che non perde occasione per entrare a gamba tesa contro la città anche nelle giornate di festa? – dichiarano i consiglieri delle liste liste Bagnasco Sindaco e Rapallo Sì – Se lo scopo è ritagliarsi spazi sugli organi di stampa – a scapito del bene di Rapallo – in vista delle imminenti elezioni regionali, auguriamo vivamente al prof. Capurro di ottenere l’ottimo risultato con cui i cittadini hanno già deciso di premiarlo alle ultime elezioni amministrative”.

“Se, invece, si tratta di mera rivendicazione personale nei confronti del sindaco Carlo Bagnasco a seguito della sconfitta elettorale, rispediamo decisamente al mittente attacchi e tentativi di intimidire il primo cittadino: noi andiamo avanti per la nostra strada, con il solo e unico obiettivo di rilanciare Rapallo anche tramite manifestazioni di indubbio richiamo turistico come ‘Rapallo d’Amare… A Natale’ – proseguono – L’unico risultato che Capurro, con il suo consueto modus operandi, riesce ad ottenere, è quello di ostacolare non il sindaco, ma lo sviluppo, il miglioramento e il bene della città, mettendosi in questo caso di traverso ad un’iniziativa rivolta principalmente a rendere speciale e indimenticabile in Natale per i più piccini”.

I consiglieri esprimono infine solidarietà all’assessore al Turismo e Commercio, Elisabetta Lai. “Per l’impegno nell’organizzare un’iniziativa di qualità e mirata a rilanciare l’immagine turistica di Rapallo con richiamo a livello regionale e non solo. Le polemiche sterili e gli attacchi personali emersi negli ultimi giorni nulla tolgono alla valenza dell’evento: i bilanci andranno tratti dopo l’Epifania, a manifestazione conclusa”, concludono.