Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Mercatino a Calata Vignoso, il Civ di Prè: “Continue invasioni degli abusivi, situazione intollerabile”

Più informazioni su

Genova. Il Civ Borgo di Pré, allo scopo di incrementare la presenza dei cittadini nel quartiere ed in particolare nella zona della Darsena, ha promosso un Mercatino che si è tenuto sulla passeggiata a mare a Calata Vignoso. I Banchi degli espositori erano sistemati sul gradino rialzato ed il pubblico poteva scorrere sul gradino inferiore per osservare ed acquistare quanto più gli aggradava.

“A partire dalle 10.30 una frotta di venditori abusivi senegalesi si accalcava stendendo i propri lenzuoli e le mercanzie proprio sul gradino di transito, quando addirittura non si sono infilati tra i banchi degli espositori, ostacolando del tutto i visitatori – spiega in una nota il consigliere Giuseppe Fanfani – La polizia municipale chiamata allo sgombero, è prontamente intervenuta con due autopattuglie ed ha allontanato i senegalesi, che però si sono rifugiati sotto la sopraelevata e hanno ripreso posizione appena le forze dell’ordine si sono allontanate”.

A quel punto è di nuovo intervenuta la municipale. “La manfrina si è ripetuta di nuovo ed è intervenuta la guardia di finanza – prosegue il consigliere – poi ancora i vigili e poi di nuovo la finanza. Tutto questo, oltre ad ostacolare il normale svolgimento della manifestazione costa alla comunità gli interventi e la mancata presenza delle forze dell’ordine in altre parti della città”.

Per i rappresentanti del Civ questa situazione deve finire subito. “Le attività economiche del quartiere non possono subire il ricatto prepotentemente utilizzato dai venditori abusivi, qualsiasi nazionalità essi rivestano.
Poiché il CIV intende svolgere tra tutti i suoi compiti, il rilancio delle attività commerciali al meglio, sta organizzando mercatini che con la bella stagione diventeranno settimanali al sabato e se queste ‘invasioni di campo si ripeteranno’, come temiamo, dovremo garantire misure di sicurezza autogestite (richieste a gran voce da vari espositori)”, conclude il consigliere.