Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Genova, da Tursi 4 milioni per le imprese alluvionate. Miceli: “Imu o Tari saranno azzerate”

Genova. Il Comune di Genova ha accantonato 4 milioni di euro da destinare come contributo alle imprese alluvionate che consentiranno di azzerare l’Imu (tassa sugli immobili) o la Tari (tassa locale sui rifiuti), o di dare un contributo parziale per il pagamento di entrambe.

Lo ha spiegato oggi l’assessore al Bilancio del Comune di Genova, Franco Miceli: “Avevamo già prelevato 2 milioni di euro dal fondo di riserva, a cui si aggiunge un milione di recupero dell’evasione fiscale grazie alla collaborazione con l’Agenzia delle Entrate. A questi aggiungiamo un altro milione proveniente da donazioni arrivate o che arriveranno”.

Di quest’ultimo milione la metà arriva direttamente dalla Banca d’Italia: “La Banca d’Italia ha scelto il Comune di Genova come veicolo per contribuire a superare l’emergenza donando 500 mila euro che sono già nelle nostre casse” fa sapere Miceli.

Definito il budget a disposizione ora il Comune di Genova dovrà individuare i criteri dei rimborsi: “Ci concentreremo sulle imprese che hanno presentato o presenteranno il modello E perché i danni alle imprese rappresentano il 90%. Per rimborsare Imu e Tari a tutte le aziende servirebbero 9 milioni, mentre con le risorse a disposizione possiamo scegliere se azzerare la Tari o azzerare l’Imu o, ancora, dare un contributo parziale per entrambe. A breve individueremo la soluzione”.

Inoltre su proposta dell’assessore Francesco Oddone, Tursi ha concesso una proroga alle imprese alluvionate del 9 ottobre per l’autorizzazione a vendite promozionali fino al prossimo 30 novembre.

Le aziende danneggiate dall’evento del 15 novembre avranno tempo, invece, fino al prossimo 5 dicembre. Queste ultime, in caso non fosse ancora pronto il modello E, potranno utilizzare in sostituzione il modello di autocertificaizone per danni, valido per la sospensione dei tributi locali e disponibile sul sito del Comune di Genova.