Quantcast
Cronaca

Genova, topi d’appartamento colti con le mani nel sacco: arresto con inseguimento

sap sindacato avis protesta

Genova. Due Albanesi poco più che ventenni sono stati sorpresi mentre stavano rovistando in un appartamento di Via Bassano. Questo arresto segue quello analogo di giovedì scorso, quando un 26enne sempre Albanese era stato arrestato, al termine di un breve inseguimento, dopo che con un complice aveva forzato la porta finestra di un’abitazione di Via Orsini.

L’allarme è scattato poco prima delle 18.00, quando è arrivata la segnalazione di due persone che si erano introdotte furtivamente in un appartamento di Oregina passando dalla portafinestra del giardino. Il testimone ha atteso in Via Napoli l’arrivo della prima volante del Commissariato Pré e ha accompagnato gli operatori di corsa lungo la scalinata di Passo Salvatore Marozzelli, indicando il giardino da cui si udiva il suono di un allarme.

Gli agenti si sono appostati tra gli alberi, notando attraverso le tapparelle sollevate la presenza nell’appartamento di due uomini che si aggiravano al buio con delle torce in mano. Quando i due soggetti sono usciti dalla portafinestra, hanno intimato loro di fermarsi. I ladri hanno cercato di fuggire e, mentre uno è stato subito bloccato, il secondo è riuscito a scappare giù per la scalinata in direzione di Via Paleocapa. Durante la fuga è stato notato da una volante dell’Ufficio Prevenzione Generale, che stava accorrendo sul posto, che ha immediatamente diramato via radio la descrizione del fuggitivo, consentendo ad un equipaggio della Sezione Criminalità Diffusa della Squadra Mobile di intercettarlo e bloccarlo in Via Almeria, vicino ad una fermata dell’autobus tra i cui passeggeri voleva evidentemente confondersi. Sottoposto a perquisizione, è stato trovato in possesso di un grosso cacciavite e di un orologio in oro con cinturino in pelle, successivamente riconosciuto come proprio dai proprietari dell’appartamento svaligiato. Nel frattempo il primo fermato, a sua volta perquisito e che ancora indossava dei guanti bianchi in stoffa, è stato trovato in possesso di un girocollo in oro, trafugato anch’esso dall’abitazione e restituito ai proprietari in sede di denuncia, e di una torcia. Un secondo cacciavite è stato recuperato a terra poco distante.

Il sopralluogo nell’appartamento ha consentito di verificare come i ladri, una volta infranto il vetro della porta finestra, avessero staccato la corrente elettrica e chiuso con il ferro morto la porta d’ingresso, per poi frugare alla luce delle torce in tutte le stanze, che risultavano messe a soqquadro.