Quantcast

Lettera al direttore

Fondi alluvione, Legambiente scrive a Burlando

Legambiente Liguria ha scritto questa mattina al Presidente della Regione Liguria, Claudio Burlando, chiedendo il suo impegno per reperire fondi su tutti i tavoli istituzionali, coinvolgendo i concessionari autostradali.

Egregio Presidente,

i recenti fatti alluvionali e le continue allerte meteo che hanno interessato e continuano ad interessare la nostra regione​ impongono a noi tutti una profonda riflessione​ sulla sicurezza del territorio, sulle vite perdute, gli sfollati, i negozi devastati insieme alle attività artigiane, agricole e sulla quantità di danni riportati alle nostre infrastrutture.

Tali danni in ogni triste occasione si presentano con valutazioni di centinaia di milioni di euro e abbiamo ragione di credere che ​la quantità di fondi disponibili ad oggi per mitigare gli effetti dei cambiamenti climatici non possano essere ​sufficienti.
Già nell’incontro con ​gli assessori Guccinelli e Paita​ del​lo scorso otto ottobre, era risultata evidente​ l’insufficiente allocazione di risorse​. E’ fatto ben noto che per mettere in sicurezza cittadini e territorio la nostra regione dispone di​ fondi limitati, ​o di ​altri non immediatamente spendibili per quanti se ne possano recuperare dai fondi comunitari, come il Fondo Economico di Sviluppo Regionale (che ha un obiettivo specifico sui cambiamenti climatici e il dissesto idrogeologico) e il Piano di Sviluppo Rurale.

I C​omuni ​dal canto loro ​​dispon​gono di ancora meno ​fondi ​e quei pochi sono bloccati dal Patto di stabilità. In futuro si potrà contare sui Fondi per lo sviluppo e la coesione (FSC) ex Fondo per le aree sottoutilizzate (FAS), ma questi non saranno certo sufficienti e rappresenteranno solo una quota parte delle reali necessità che stanno emergendo. E’ evidente ​che si renda necessario un intervento economico governativo a livello nazionale, ma anche questo non potrà che essere limitato rispetto all’entità dei danni.
Ciò premesso, ​ Le chiedo di valutare con attenzione ​la seguente proposta ​e ​di riportarla su tutti i tavoli cui avrà occasione di partecipare: la creazione di un Fondo per la messa in sicurezza del territorio, la formazione per l’autoprotezione dei cittadini, il sostegno ai commercianti, artigiani e agricoltori, alimentato dai proventi dei pedaggi autostradali nella nostra regione e ri orientando i miliardi previsti per la Gronda genovese.

Per noi questa non è una proposta nuova ma solo oggi vediamo nascere una disponibilità concreta ad utilizzare i profitti dei concessionari autostradali anche per altre opere.
​Dalle recenti dichiarazioni rilasciate il 15 novembre dal Vice Ministro alle Infrastrutture Riccardo Nencini infatti apprendiamo che: Sono felice che ciò avvenga per un’opera, quale il raddoppio ferroviario della Pontremolese, che chiediamo venga completata​ da anni​ e abbiano inserito come Legambiente, insieme ai colleghi toscani ed emiliani​, nelle centouno opere utili a sbloccare dalla crisi il futuro del nostro paese. Per le prossime pianificazioni e azioni però ritengo necessario cominciare ad orientare i profitti autostradali in modo diffuso sul martoriato territorio ligure, dalla costa all’entroterra. Un Fondo dedicato alla prevenzione del dissesto idrogeologico consentirebbe la pianificazione di spese anche più a lungo termine.

Mi auguro che Lei ​voglia ​ adoperarsi per raggiungere l’obiettivo proposto in modo da garantire ancora le possibilità di sviluppo delle nostre città e della nostra regione ed evitarne isolamento e declino.
In attesa delle Sue valutazioni e di un riscontro a questa mia, porgo cordiali saluti.

Santo Grammatico
Presidente Legambiente Liguria