Quantcast
Cronaca

Eni Genova, la decisione dei lavoratori: “Niente sciopero, ma soldi agli alluvionati”

Grandinata 13 ottobre

Genova. Le lavoratrici e i lavoratori Eni di Genova, riuniti in assemblea, hanno deciso di sostenere, attraverso le risorse che sarebbero state impiegate con un’azione di sciopero, i cittadini e i commercianti che sono stati colpiti dall’alluvione di Genova. Ogni lavoratore devolverà 2 ore della propria retribuzione al Fondo pro Alluvionati aperto da Cgil, Cisl e Uil Genova.

Filctem-Femca e Uiltec ricordano che Eni, in assenza di un piano industriale adeguato, ha previsto la dismissione di alcune raffinerie e la vendita della Società Sapiem. In questo contesto si inserisce la vertenza locale che coinvolge i dipendenti di Genova. Il timore dei lavoratori e delle OO.SS è di dover subire ancora una volta una riduzione delle attività e il taglio dei posti di lavoro.