Quantcast
Sport

Calcio, Promozione A: Carlin’s-Voltrese sul palcoscenico; Cogoleto-Arenzano, il derby del Rio Leronerisultati

Albissola Vs Serra Riccò

Cogoleto. Tutti in “standby” a Sanremo, dove si vive una spasmodica attesa, in vista della madre di tutte le partite del campionato di Promozione, girone A: Carlin’s Boys – Voltrese.

I ponentini di mister Papa, sono in forma smagliante e affrontano il big match con il vantaggio di avere due punti in più in classifica… ne consegue che una loro vittoria scaverebbe un solco di cinque punti di distacco, mentre i genovesi, in caso di successo, volerebbero, da soli, al comando… ovvio che tutti avvertano il peso della posta in palio.

Come arrivano i due team a questo scontro? I sanremesi, in nove giornate disputate, hanno vinto sette volte, pareggiando e perdendo una sola volta e in casa, hanno un ruolino di marcia super, fatto di tre vittorie ed un pareggio, con nove reti realizzate e due subite.

Il biglietto da visita della Voltrese, presenta la stampigliatura di sei successi, due pareggi e una sconfitta; hanno, sinora, segnato più della Carlin’s (20 reti, contro 18), ma la solidità difensiva è a netto favore dei padroni di casa, che hanno subito solo sei goal, contro i dodici degli avversari.

Altri dati: bomber del torneo è il voltrese Umberto Cardillo, che è già arrivato in doppia cifra (10 reti), mentre il cannoniere nerazzurro è Pietro Daddi, secondo in graduatoria, con sei centri.

Chi attende l’esito di questo match, è – senza ombra di dubbio – la terza forza del campionato, quell’Albenga che deve recuperare un gap di cinque lunghezze dai sanremesi e di tre dalla Voltrese.

E’ chiaro che gli ingauni, in costante crescita, devono vincere sul terreno di casa (si fa per dire, visto che il match si gioca ad Albissola) del Varazze, incontro tutt’altro che facile, tuttavia l’occasione per i ragazzi di Caverzan, di avvicinarsi ad una o addirittura a tutte due le squadre che la sopravanzano, è davvero ghiotta.

Non ha l’importanza dello scontro titanico di Sanremo, ma il derby, tra Cogoleto ed Arenzano, è molto sentito dalle due cittadine divise dal Rio Lerone, che storicamente hanno dato vita a duelli accesi, a partire dagli anni ’60, quando, forse, la rivalità era molto più sentita “a livello di paese”.

Nell’ultimo turno solo l’Arenzano ha raccolto un punto, per cui vincere, per entrambe, significherebbe rilanciarsi, in una classifica che, tolte le prime tre della classe, è molto corta… insomma, il match è da tripla.

La Rivarolese, che nell’ultimo mese ha vanificato l’ottimo inizio di torneo, vuol tornare a vincere, affrontando una compagine, l’Albissola, che ha tuttavia dato segnali di ripresa, anche se è tuttora alla ricerca di quella continuità necessaria per portare avanti un buon campionato.

Sarà, ancora una volta, fondamentale la legge del “Ponzo”, per consentire al Bragno, dodici punti in cinque partite disputate, di superare il Legino? I savonesi sono reduci da un paio di vittorie, che hanno dato una giusta scossa al loro campionato e faranno di tutto per arginare le ambizioni di Cattardico e compagni.

Il Serra Riccò, unica squadra ad aver, finora, messo sotto la Carlin’s Boys, riceve una rigenerata Loanesi; per il team di Lo Bascio, la vittoria sarebbe un autentico toccasana, mentre per i savonesi rappresenterebbe un ulteriore passo in avanti verso la salvezza.

Un Borzoli in crisi, solo sette punti in saccoccia, affronta al “Piccardo” l’altalenante Taggia… l’occasione per i sestresi è da prendere al volo, ma occhio agli imperiesi, capaci di ottenere qualsiasi risultato, sia in positivo, quanto, purtroppo per loro, in negativo.

Campomorone – Ceriale chiude la presentazione della giornata: i polceveraschi vogliono chiudere la pratica a loro favore, ma i ponentini, pur relegati all’ultimo posto, vista la loro propensione a proporre una buona idea di calcio, sperano nel detto che dice: “il lavoro paga”.