Quantcast

Calcio, pareggio tra Entella e Lanciano. Prina: “Grandi i miei ragazzi, ripagano a pieno la mia fiducia”

Entella vs Virtus Lanciano

Chiavari. Non avrà fatto stappare bottiglie di Champagne o innescato caroselli in giro per il centro ma il punto conquistato ieri dall’Entella è di quelli pesanti.

Dando un rapido sguardo al conto degli indisponibili, al numero ravvicinato di partite e al valore dell’avversario, il bicchiere è senza alcun dubbio da considerare mezzo pieno.

“In un campionato lungo e faticoso come questo anche un pareggio è importante – esordisce mister Luca Prina in sala stampa -. In questo momento saremmo salvi nonostante la partita da recuperare. In molte gare purtroppo non si esprimerà un gioco esaltante, però è quello che richiede la categoria: sacrificio, determinazione, concretezza”.

Non si arresta l’emorragia di giocatori indisponibili. A metà del primo tempo si è aggiunto alla lunga lista degli infortunati anche Pedro. “Purtroppo stiamo perdendo alcuni dei ragazzi più in forma – continua Prina -. In questa situazione difficile, il rovescio positivo della medaglia è che ho sempre trovato dei ragazzi incredibili che si sono messi a disposizione giocando in ruoli non loro e ripagando a pieno la mia fiducia”.

“Sansovini è un giocatore che vive per il gol ma la sua priorità è sempre aiutare la squadra – prosegue Prina -. In questo momento sta pagando forse il grande sforzo fatto in estate per farsi trovare pronto a inizio campionato. E’ un professionista eccezionale, si sacrifica per i compagni ed è un punto di riferimento per i più giovani”.

A commentare l’incredibile tour de force a cui si sta sottoponendo l’Entella, e che vedrà il suo apice martedì in occasione del recupero del match con la Ternana, interviene Simone Iacoponi, anche ieri un baluardo al centro della difesa: “Devo ammetterre che sta subentrando una certa stanchezza a causa di tutte queste partite ravvicinate. Oggi abbiamo fatto un buon primo tempo, poi siamo calati. Peccato non essere riusciti a concretizzare le occasioni create”.

Ritorno alle origini. “Il ruolo di centrale difensivo mi è sempre piaciuto molto, lo interpretavo nelle giovanili e le prestazioni attuali mi stanno confortando – rivela Simone -. Ci tenevamo a fare bene oggi perché venivamo da un risultato ingiusto col Catania. Il punto di oggi è fondamentale, in questo campionato bisogna essere concreti e badare al sodo”.

Dopo il gol segnato all’esordio in Serie B, grande soddisfazione per Eric Lanini, partito per la prima volta tra i titolari. “Non sono un giocatore che soffre molto la pressione – spiega l’attaccante -. Ero sereno ma concentrato, volevo riproporre quanto di buono avevo mostrato a Catania. In settimana ho ascoltato molto il mister perché ci tenevo a ripagare la sua fiducia e ad aiutare la squadra”.