Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Calcio, Entella vittoriosa sulla Ternana. Prina: “Sono soddisfatto ma mancano ancora 35 punti”

Chiavari. Due rinvii per altrettante allerta meteo, poi il diluvio con conseguente caduta di albero su un tornello a pochi minuti dal fischio d’inizio: Entella-Ternana sembrava essere una partita maledetta. E invece il recupero dell’8ª giornata verrà ricordato per la prestazione tutta cuore, polmoni e muscoli dei chiavaresi, ingredienti essenziali della ricetta preparata da mister Prina e dal suo staff per conquistare i tre punti.

“In casa stiamo ottenendo ottimi risultati ma non siamo arrivati ancora da nessuna parte – vola basso il tecnico biellese in conferenza stampa -. Abbiamo fatto 15 punti finora, per me significa solo che ne mancano 35 per salvarci”.

Partenza super. “Abbiamo fatto il miglior inizio match della stagione – continua il mister -. Il gioco proposto in avvio è stato di ottimo livello. Stiamo acquisendo maggiore sicurezza, nel secondo tempo, quando c’è stato bisogno di combattere, abbiamo mostrato il giusto carattere. Devo dire che sono soddisfatto della tenuta fisica dei miei ragazzi nonostante il tour de force”.

“Questo è un campionato da affrontare sempre con il coltello tra i denti, non esistono partite facili – avverte Prina -. La classifica diceva che la Ternana era una squadra in difficoltà, il campo ha dimostrato il contrario. Sarà molto più dura di quanto qualcuno aveva ipotizzato inizialmente, anche oggi che abbiamo vinto lo ripeto: dobbiamo fare ancora moltissima strada”.

Michele Russo, il secondo a prendere la parola in sala stampa, è della stessa idea del mister. “E’ fuori di dubbio che vincere aiuti a vincere ma c’è ancora molto da fare – dice -. Le prestazioni offerte con Lanciano e Ternana dimostrano che siamo a buon punto con l’ambientamento in Serie B. Sta crescendo la fiducia in noi stessi”.

Anche ieri lottatore in mezzo al campo, Francesco Di Tacchio si è distinto per la grande generosità. “L’importante era vincere ad ogni costo e ci siamo riusciti – afferma -. Ogni partita entro in campo con l’intenzione di dare il massimo, a volte ci riesco (ride, ndr). Dobbiamo cercare di giocarcela con tutti, con la giusta mentalità ci riusciremo”.