Quantcast
Cronaca

A Busalla polemica sui parcheggi: “Prezzi come in piazza della Vittoria. Un euro per un’ora, ma non c’è scritto”

parcheggio piazza ferralasco a busalla

Busalla. Il sistema dei parcheggi di Busalla proprio non ne vuole sapere di girare per il giusto verso. La denuncia parte da Busalla Democratica. “Dopo la vicenda dell’area riservata di Via Chiappa (da un anno si attende l’eliminazione della sbarra che delimita l’area di sosta ex-Croce Verde, oggi usata da amministratori in carica e non) abbiamo fatto una piccola indagine su Piazza Ferralasco – spiegano – Passino le continue rotture della sbarra e passi pure l’utilizzo difforme della parte coperta rispetto al progetto. Ma che le soste a Busalla costino come a Carignano o in Piazza della Vittoria è davvero un po’ troppo”.

Ci sono 15 minuti di sosta gratuita, ma poi la situazione cambia. “Noi avevamo proposto anni fa di portarli a 20 o 30 per i genitori che accompagnano i ragazzi alle elementari e per gli acquisti ‘veloci’, ma il vero problema sorge già dal 16° minuto – prosegue Busalla Democratica – Con l’aumento applicato a fine 2012 basta sforare di un minuto e ci si ritrova a tirare fuori un euro pulito pulito. Naturalmente fino al 60° minuto la sosta costa sempre un euro ed il secondo scatta dal 61°”.

Ma il problema non è solo questo. “Il sistema – già di per se non tra i più limpidi visto che con la ‘franchigia’ di 15 minuti il rischio di sforare involontariamente è molto alto – è sicuramente reso iniquo dal fatto che sui cartelli è tutt’ora indicata la vecchia tariffa di 50 centesimi. Pare la cosa sia già stata segnalata – concludono – Ci chiediamo se non sia arrivato il momento di cambiare qualcosa rispetto alla gestione precedente, fosse anche solo il desueto cartello indicatore. O di rivedere una modalità di riscossione che per le soste brevi (diciamo mezz’ora per un acquisto) ha costi da centro cittadino. O di coinvolgere le associazioni dei commercianti per un sistema meno rigido e punitivo. O, infine, di studiare un piano parcheggi degno di questo nome”.