Quantcast
Cronaca

Alluvione, altra grossa frana a Follo di Cicagna: riaperta la Sp della Scoglina

Cicagna. Agg. 19.18 Riaperta la Sp della Scoglina a seguito della frana caduta in località Follo nel Comune di Cicagna. I tecnici della Provincia hanno lavorato assiduamente per liberare dall’isolamento i comuni di Favale di Malvaro e Lorsica, rende noto il Comitato Salviamo la Fontanabuona.

Seconda frana della giornata sulla provinciale 23 della Scoglina, già martoriata dall’alluvione anche lo scorso autunno. Dopo quella vicina al passo fra Fontanabuona e Val d’Aveto, con chiusura del transito al km. 15 dove domani sono previsti anche gli interventi in parete dei rocciatori, un’altra grossa frana si è abbattuta a Follo nel Comune di Cicagna, a meno di due chilometri dall’innesto con la provinciale 225 della Fontanabuona. Due i comuni isolati: Favale di Malvaro e Lorsica.

Al momento sulla frana di Follo la strada è chiusa perché dal versante sono precipitati in due riprese trecento metri cubi di pietre e terra che nella seconda ondata hanno trascinato sulla carreggiata anche alberi e piante. La Provincia ha fatto entrare in azione una ruspa sulle masse di terra e pietre della frana, mentre squadre della viabilità con motoseghe e altre attrezzature stanno intervenendo per tagliare e spostare dalla carreggiata i tronchi caduti.

Sempre per il maltempo è stato transennato sul ciglio di valle, a causa di un cedimento della carreggiata, un tratto di trenta metri sulla provinciale 586, al km.64,750 nel Comune di Carasco, “senza particolari problemi al momento per la circolazione – dicono i tecnici – perchP la carreggiata di quel tratto è ampia e rimangono liberi per il transito sei metri di larghezza”.

Più informazioni