Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Alluvione a Levante, viabilità nel caos. Sindaco Mezzanego: “Rete viaria disintegrata, domani scuole chiuse” fotogallery

Agg. h.11.50 Al momento le strade chiuse dalla Provincia restano solo tre, la n. 26 bis della Valmogliana, la 37 di Semovigo e la ‘Franco Rolandi’, dove però l’intervento della Provincia non è lontano dalla conclusione.

Levante. Non solo le uscite autostradali di Chiavari e Lavagna sulla A12, la viabilità nel levante genovese ha riportato nelle ultime ore ferite gravissime. Al momento sono cinque le provinciali chiuse per frane, tutte già martoriate da alluvioni e nubifragi dello scorso anno: la 225 della Fontanabuona in due tratti, al km. 8,5 nel Comune di Carasco e poi a San Colombano Certenoli, la 32 di Leivi, la 42 di Romaggi fra Canale e Celesia, la 26 bis della Valmogliana al km. 2 e al km. 5 e la 37 di Semovigo per una frana da monte al km. 1,5.

Alberi pericolanti sulla carreggiata sono segnalati sulla provinciale 586 a Terrarossa ed è in corso un sopralluogo dei tecnici sulla provinciale 227 di Portofino per un cedimento della carreggiata sul lato del mare. Riaperto invece stamattina il tratto della strada statale 1 Aurelia tra Zoagli e Rapallo, chiuso in entrambe le direzioni a causa dello straripamento dei fiumi Lentella e Rupinaro.

Un esempio su tutti è Mezzanego, 1600 abitanti nell’entroterra del Levante, anche se black out, frane e allagamenti si contano a decine su tutto il territorio. “Qui – ha spiegato il sindaco Danilo Repetto – la situazione è drammatica. L’evento è peggiore di quello dell’anno scorso e la rete viaria collinare è stata letteralmente disintegrata: tutte località al di fuori del centro sono isolate”. Domani a Mezzanego le scuole rimarranno chiuse.

Anche a Borzonasca quasi tutte le strade interne sono interrotte, così come è danneggiata la strada provinciale. Al momento, ha spiegato il sindaco Giuseppino Maschio “solo un paio di frazioni sono raggiungibili e stiamo cercando di ripristinare un minimo di viabilità. Per ora ci sono 13 persone sfollate che hanno dormito fuori casa”.

“La situazione – ha spiegato invece il sindaco di Sestri Levante Valentina Ghio – è normalizzata. Riaperti i ponti e continua il monitoraggio del territorio”.