Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Alluvione Genova, dalla beffa Irpef alle bollette da pagare: appello-denuncia al Governo

Genova. Una lettera di denuncia al presidente del Consiglio Matteo Renzi, domani in Liguria per l’inaugurazione del nuovo stabilimento Piaggio Aero, al sindaco Marco Doria e al governatore Claudio Burlando. La firma, e il j’accuse, tra gli altri è del presidente della Camera di Commercio di Genova Paolo Odone.

“La vicenda della sospensione dell’Irpef per gli alluvionati, prima annunciata dal governo e poi ritirata, è un ulteriore colpo all’economia di una città che ha già subito tre alluvioni dal 2010 – sottolinea Odone – Se aggiungiamo il fatto che lo stato di calamità non è ancora stato riconosciuto e la sospensione dei contributi è ancora un punto interrogativo, mi viene da dire che con questi ‘tira e molla’ piove sul bagnato. La Camera di Commercio di Genova e le associazioni di categoria che hanno firmato l’appello al premier Renzi lavorano ogni giorno fianco a fianco con le imprese alluvionate, conoscono i problemi, per questo abbiamo deciso di rivolgerci al Presidente del Consiglio perché ci dia subito un segnale di attenzione e di speranza”.

Una delle più grandi criticità per le aziende colpite dall’alluvione, riferisce Ascom, riguarda i pagamenti delle utenze elettricità, gas, acqua. “Abbiamo espressamente richiesto alla Regione Liguria e alla Protezione Civile Ligure che si facciano portavoce con il Governo affinché, nella dichiarazione dello stato di emergenza della Presidenza del Consiglio dei Ministri, sia previsto che l’Autority per l’Energia Elettrica ed il Gas applichi la sospensione di almeno sei mesi dei termini di pagamento delle bollette di energia elettrica e gas, in analogia a quanto accaduto con il sisma dell’Emilia”, spiega l’associazione di categoria.
 
In quella occasione le aziende e la popolazione colpita avevano potuto usufruire di rateizzazioni automatiche senza interessi, per un periodo minimo di due anni, applicate sia alle forniture in servizio di tutela sia sul libero mercato. Inoltre, l’Autorità per l’energia aveva previsto anche l’azzeramento dei costi per eventuali nuove connessioni, subentri o volture richieste da soggetti la cui azienda o abitazione fosse inagibile e la riduzione del 50% delle tariffe di rete e degli oneri generali in bolletta. “Fra le agevolazioni, vi era anche la rateizzazione delle bollette dell’acqua per 12 mesi e questo chiediamo sia previsto anche nella nostra situazione”, conclude l’Ascom genovese.