Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Alluvione 9 ottobre, arrivano i primi rimborsi per le imprese. Guccinelli: “Tra il 10 e 20 dicembre, come promesso”

Liguria. Dal 10 al 20 dicembre arriveranno i primi rimborsi per le imprese che hanno subito danni sotto i 40.000 euro durante l’alluvione dello scorso 9 ottobre. Lo ha garantito oggi l’assessore allo sviluppo economico della Regione Liguria Renzo Guccinelli, annunciando contestualmente la presentazione, il prossimo venerdì, del bando per i danni sopra i 40.000 euro e il 9 gennaio di un nuovo bando per le imprese danneggiate nell’alluvione di novembre.

“Nonostante le proroghe – ha detto Guccinelli – manteniamo l’impegno che avevamo assunto a suo tempo di liquidare, tra il 10 e il 20 dicembre, le aziende che hanno partecipato al bando sotto i 40mila euro. Confermiamo che ci sarà un criterio di equità per le aziende e i finanziamenti ci saranno per tutti”.

Sempre venerdì prossimo l’assessore allo sviluppo economico renderà nota anche la percentuale di rimborso che aumenterà sulla base del numero di alluvioni subite. La Giunta ha inoltre deciso di esentare dalla presentazione del DURC, il documento di regolarità contributiva con cui l’impresa attesta di essere in regola con il pagamento degli obblighi contrattuali, le aziende che hanno subito danni alluvionali che potranno accedere lo stesso ai finanziamenti regionali.

La Regione Liguria ha inoltre aderito alla proroga al 31 dicembre dell’accordo per la sospensione dei debiti delle piccole e medie imprese liguri verso il sistema creditizio. L’accordo era stato sottoscritto nel dicembre 2009 tra il Ministro dell’Economia e Finanze, l’ABI e le Associazioni di rappresentanza delle imprese.

Fra le operazioni previste, la sospensione per 12 mesi del pagamento della quota capitale delle rate di mutuo, la sospensione per 12 mesi, o per 6 mesi, del pagamento della quota capitale implicita nei canoni di operazioni di leasing rispettivamente “immobiliare” o “mobiliare, l’allungamento a 270 giorni dalle scadenze del credito a breve termine per sospendere le esigenze di cassa, con riferimento alle operazioni di anticipazione su crediti certi e esigibili.

Nell’ambito dell’accordo la Giunta Regionale aveva deciso di sospendere il pagamento dei debiti che derivano da sostegni finanziari a imprese da parte della stessa amministrazione regionale.