Quantcast

Allergie, la Superba città critica: 3 genovesi su 4 sono a rischio

Genova. Tre genovesi su quattro potenzialmente a rischio allergia dichiarano di avere sintomi legati a questa patologia, sia essa moderata o grave. Il dato emerge dal censimento effettuato nelle 302 farmacie private della provincia di Genova a compimento di un progetto di Federfarma Genova con FederASMA e ALLERGIE Onlus e Associazione Ligure Allergici. I pazienti sono stati chiamati a compilare un questionario la cui lettura ha consentito di tracciare un quadro dettagliato della situazione nel capoluogo ligure.

Il campione preso in esame è stato composto da 1663 persone che si sono rivolte al farmacista di fiducia per un presunto raffreddore o prurito agli occhi e sono stati invitati a compilare il questionario. Il censimento è stato effettuato nel mese di maggio. Di queste persone, 678 sono uomini e 985 donne. Nel complesso è emerso che il 71,8% del campione (pari a 1194 persone) non aveva mai effettuato alcun test allergologico. Il restante 28,2% (469 persone) aveva già sentito la necessità di sottoporsi a test per le allergie. Tra le persone che non avevano mai approcciato un check allergologico, 840, pari al 70,35%, ha riferito di provare uno stato di malessere molto forte riconducibile ai sintomi dell’allergia.

Nel dettaglio, il 49,13% del campione complessivo ha riferito di starnutire a fronte di esposizione a pollini o polvere, il 40,7% di avere il naso che cola pur senza avere contratto raffreddamenti o altre patologie all’apparato respiratorio; il 43,9% per cento del campione ha specificato di avere spesso gli occhi arrossati ed il 49% di provare prurito al naso o, il 37,3%, di avere avere spesso il naso ostruito.

Il periodo più a rischio risulta essere la primavera. I sintomi allergici si sono manifestati al 63,9% del campione proprio in questa stagione. Si presentano sintomi riconducibili all’allergia in caso di vicinanza ai prati (44,68%), di vicinanza ad animali (25,5%), durante il sonno (25,6%), al chiuso (27%), durante i pasti (17,1%). In casa gli elementi di rischio per allergie “perenni” sono gli acari della polvere e il pelo di animali, presenti in ogni stagione.

“Tutti i farmacisti hanno proposto ai soggetti che ritenevano potenzialmente allergici un rapido test” ha detto Giuseppe Castello, presidente Federfarma Genova. “Attraverso una serie di domande-chiave è possibile evidenziare un eventuale rischio – precisa Edoardo Schenardi, segretario Federfarma Genova – L’indagine ha prodotto per la prima volta dei dati precisi e quindi analizzabili”. L’associazione che riunisce i titolari di farmacia ha così aperto la strada alla collaborazione con un’associazione di pazienti “portando il tema delle allergie all’attenzione dei cittadini soprattutto in termini di prevenzione e quindi di consapevolezza” conclude Schenardi.

“Con questa iniziativa – spiega Massimo Alfieri, Vicepresidente di FederAsma e Allergie – il farmacista si è confermato come il primo punto di riferimento per la salute. L’esperienza e la vicinanza al cittadino possono aiutare a far emergere quello che noi definiamo il sommerso, ovvero i soggetti allergici che non sanno di esserlo, a cui è collegato il fenomeno delle terapie fai da te”.