Renzi, Silp Cgil: “Giù le mani dai ‘manganelli’ delle forze dell’ordine”

silp cgil

Genova. L’impegno di Renzi a sbloccare il tetto salariare al Comparto Sicurezza, non è altro che un tardivo e insufficiente riconoscimento di quella specificità promessa da anni.

Promessa che dovrà essere concretizzata all’interno di una legge finanziaria che potrebbe rivelarsi come un bagno di sangue per le tasche di moltissimi cittadini! Inoltre non si dimentichi che il Comparto Sicurezza ha il contratto di lavoro scaduto dal 2010.

Per non parlare dell’annuncio di Renzi sugli accorpamenti delle forze dell’ordine che, pur partendo da un concetto condivisibile, al momento si limitano a proclami pericolosi per i precari equilibri dei Corpi interessati.

In ogni caso, sia ben chiaro: che il Governo non provi nemmeno ad immaginare di strizzare l’occhio ai “manganelli” delle forze dell’ordine proprio adesso che i lavoratori scenderanno in piazza contro una riforma del lavoro inaccettabile.

Anche per questo il SILP CGIL già da oggi a Genova è insieme alle lavoratici ed ai lavoratori a sostegno delle iniziative democratiche di protesta e dissenso messe in campo dalla Cgil contro la riforma del lavoro.

Roberto Traverso, segretario provinciale Silp Cgil

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Genova24 è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Genova24 di restare un giornale gratuito.