Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Pallanuoto femminile, A1: l’Imperia ha un altro passo, il Rapallo regge poco più di un quarto risultati

Rapallo. Va alla Mediterranea Imperia la sfida ligure contro il Rapallo, giocata questo pomeriggio nella piscina comunale del “Poggiolino”. Finisce 3 a 10 per le giallorosse campionesse d’Italia in carica, nettamente superiori tecnicamente alle pur volenterose gialloblù.

Parte bene il Rapallo: nonostante l’assenza del portiere titolare Federica Lavi, le padrone di casa interpretano un buon primo tempo, tenendo testa alle avversarie tanto da chiudere con un parziale a proprio vantaggio.

Passa in vantaggio la squadra ospite con Stieber in superiorità, poi vanno a bersaglio Simona Abbate, Silvia Avegno e Claudia Criscuolo, con l’inframezzo del gol di Pomeri per l’Imperia. Alle marcature potrebbe aggiungersi Carolina Ioannou, ma il portiere della squadra ospite e del Setterosa para il rigore assegnato al Rapallo a 5’33” e battuto dalla numero 12 gialloblù. Fine primo tempo, Rapallo avanti 3-2.

L’illusione ha breve durata. Nel secondo tempo le padrone di casa riescono ancora ad arginare in maniera positiva le incursioni dell’Imperia, che però inizia a premere sull’acceleratore: segnano Emmolo (doppietta) e Amoretti. Il secondo tempo si conclude con le giallorosse che mettono la freccia e passano a condurre per 3 a 5.

Cambio vasca e in apertura di terza frazione il Rapallo conquista un’espulsione, ma Gorlero si frappone alla conclusione di capitan Criscuolo. Dalla parte opposta sfrutta invece la superiorità numerica l’Imperia, a segno con Motta. Le campionesse d’Italia in carica si portano poco dopo sul 3-7 grazie a Stieber, che segna ancora a uomo in più.

Time-out chiesto da Marco Capanna e al rientro in campo è ancora Imperia: il gol è di Motta, il cui tiro, deviato dai difensori gialloblù, si insacca alle spalle della giovane Matilde Risso. Sul 3 a 8 si va all’ultima frazione di gioco.

Quarto tempo, la musica non cambia. È sempre Imperia, che incrementa ulteriormente il vantaggio con Motta e Borriello. Il Rapallo ci prova fino all’ultimo, ma non riesce a sfruttare le occasioni propizie davanti alla porta difesa da Gorlero. Finisce 3-10.

“Quest’anno i nostri obiettivi in campionato sono diversi da quelli dell’Imperia, che a mio parere, assieme al Padova, è ad un livello superiore rispetto a quello delle altre squadre – commenta a fine partita il tecnico del Rapallo, Luca Antonucci –. Nonostante l’assenza di Lavi abbiamo comunque tenuto bene per due tempi e mezzo, pur giocando con sei giovani che hanno esordito sabato scorso in A1 incluso il portiere Matilde Risso. Tutto sommato ho visto segnali positivi malgrado il risultato, anche se dobbiamo senza dubbio migliorare in fase d’attacco, sfruttando meglio le occasioni a nostro favore. La stessa Tankeeva è alla sua seconda partita nel campionato italiano e ha ancora bisogno di un po’ di tempo per ambientarsi, vedremo quindi di lavorare su tutti gli aspetti e di andare a conquistare punti a partire dalla prossima partita”.

Il tabellino:
Rapallo Pallanuoto – Mediterranea Imperia 3-10
(Parziali: 3-2, 0-3, 0-3, 0-2)
Rapallo Pallanuoto: Risso, Abbate 1, Zerbone, Avegno 1, Sessarego, Zanetta, Tankeeva, S. Criscuolo, Mori, C. Criscuolo 1, Cotti, Ioannou, Bacigalupo. All. Antonucci.
Mediterranea Imperia: Gorlero, Ralat, Borriello 1, Gamberini, Stieber 2, Casanova, Pomeri 1, Motta 3, Emmolo 2, Bencardino, Drocco, Amoretti 1, Solaini. All. Capanna.
Arbitri: Ercoli e Sponza.
Note. Superiorità numeriche: Rapallo 2/12 più 1 rigore fallito, Imperia 3/9. Uscita per limite di falli Cotti nel terzo tempo.