Economia

Merlo e Lupi a Singapore, più forte la partnership porto di Genova-Psa: “Pianificazione e cono aereo”

porto di genova calata gadda

Genova. Si rafforza la partnership tra il Porto di Genova e Psa, terminalista da 62 milioni di teu l’anno in tutto il mondo. Il rapporto di forte collaborazione, destinato nel breve periodo a sollecitare nuovi importanti investimenti a Pra’, è stato suggellato oggi a Singapore dall’incontro a tre fra il ministro italiano delle Infrastrutture Maurizio Lupi, il presidente dell’Autorità portuale di Genova Luigi Merlo e i massimi vertici di Psa, rappresentata da Chong Meng (ad del gruppo), David Yang (regional ceo per Europa, Mediterraneo e America) e Gilberto Danesi (ad del Vte).
Chong Meng ha ricordato “la centralità di Genova e dell’Italia nel piano di sviluppo di Psa nell’area Mediterranea” e sottolineato “gli ottimi risultati conseguiti dal Vte grazie soprattutto a un consistente aumento della produttività”.

Grande soddisfazione da parte di Luigi Merlo: “Si consolida un rapporto strategico fondamentale, capace di garantire sviluppo a lungo periodo. Genova ha saputo attrarre investimenti grazie a un grande sforzo di pianificazione delle opere, di coordinamento e di sostegno. Non ultima, la soluzione dell’annoso problema del cono aereo del Colombo, grazie all’impegno del governo e in particolare del ministro Lupi e della sua struttura, che ha di fatto sbloccato i prossimi interventi di modernizzazione e sviluppo. Ora siamo in grado di poter dare risposte a terminalisti e armatori sull’adeguamento delle nostre infrastrutture alle nuove dimensioni delle navi e alle nuove esigenze dei traffici”.

La giornata di oggi è stata caratterizzata da un lungo incontro nel Psa Building di Singapore e, sempre alla presenza del ministro, da una visita del porto (33 milioni di teu l’anno), compresa l’area dei nuovi riempimenti. “Abbiamo messo Psa – ha concluso Merlo – nelle condizioni di poter aumentare il proprio investimento a Genova e il nuovo piano sulla portualita’ e la logistica annunciato dal ministro Lupi ai manager della società non può che favorire questo processo”.

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Genova24 è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Genova24 di restare un giornale gratuito.