Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Calcio, “Cinque domande” a Johnny D’Asaro: “Ligorna e Magra Azzurri favorite, ma il mio Rapallo è pronto alla sfida”.

Rapallo. Johnny D’Asaro, eterno gladiatore a difesa delle aree di rigore, è da quest’anno il capitano del Rapallo, che sta viaggiando ad una velocità impensata.

Ritenete di poter competere sino in fondo per il successo finale?

“Non siamo partiti per vincere il campionato, anzi l’obiettivo era il consolidamento della categoria. La nostra è una squadra nuova, che deve ancora trovare il giusto amalgama e quindi questi punti sono fondamentali, perché – oltre ad essere ossigeno puro – ci permettono di lavorare in serenità, facendo crescere in noi l’autostima necessaria per capire se potremo essere competitivi ai massimi livelli”.

Stai tirando il freno a mano, ma i numeri parlano chiaro. Siete insediati, col Magra Azzurri, al secondo posto della classifica, con un tabellino che parla di tre vittorie e un pareggio in quattro partite, con dieci reti realizzate e cinque subite. Chi, se non voi, sono tra le favorite per il passaggio in Serie D?

“Ligorna e Magra Azzurri hanno i favori del pronostico. Sono, entrambe, squadre fortissime ed organizzate, pronte per il salto di categoria, anche se i genovesi di Monteforte hanno qualcosa in più. Noi non intendiamo comunque nasconderci: siamo pronti ad accettare la sfida”.

Come ti trovi a Rapallo, insieme al tuo mentore, Stefano Fresia?

“Rapallo è una piazza straordinaria, come del resto il nostro gruppo. Sono felice di aver seguito mister Fresia. Sono con lui da sei anni (ndr, le altre squadre sono state Bolzaneto, Pontedecimo e Vado) e ti assicuro che è una garanzia”.

C’è un giocatore in grado di “spaccare” il campionato?

“Si, il nostro Davide Paterno (ex Sestri Levante), è un attaccante completo, velocissimo, bravo nell’uno contro uno e dotato di un senso del goal inaudito”.

Quali sono le sorprese positive e negative in queste prime quattro giornate?

“In positivo direi il Quiliano, neo promosso, che domenica si è concesso il lusso di battere il Ventimiglia. Invece mi aspettavo qualcosa in più dal Genova Calcio, che ha pareggiato tre partite su quattro, ma ha in rosa giocatori di alto spessore che lo riporteranno in alto a breve”.

Nella foto: Johnny D’Asaro con Fabio Quagliarella.