Quantcast

Regione, approvati rendiconto e assestamento. Rossetti: “Il bilancio va bene, maggioranza responsabile”

Liguria. Approvati a maggioranza dal consiglio regionale il rendiconto 2013 e l’assestamento del bilancio di previsione 2014: 20 voti a favore e due astenuti (Nuovo centro destra) per il primo e 22 voti a favore (centro sinistra e Ncd) e 8 contrari per il secondo.

L’opposizione (Forza Italia, Lega Nord, Liste Civiche per Biasotti, Gruppo Misto Della Bianca) è uscita dall’Aula “per non partecipare all’approvazione di un rendiconto taroccato che ha subito anche la censura da parte della Corte dei Conti”. Ncd ha invece votato, garantendo il numero legale in aula.

“Nella parifica del bilancio consuntivo 2014 – ha commentato l’assessore Pippo Rossetti – la Corte dei Conti potrà prendere atto delle azioni fatte ed eventualmente fare ulteriori osservazioni, ma il bilancio è una legge e quindi non può essere condizionato da un altro potere dello Stato, cioè il potere legislativo, poi il potere che ha solo la Corte Costituzionale sull’autonomia e la non ingerenza tra le legge della Regione e quella dello Stato. Il potere giudiziario, invece, va a definire, in una corretta collaborazione con le altre istituzioni, in questo caso delle osservazioni e dei consigli”. Rossetti riporta alcuni esempi.

“Hanno segnalato che bisognava andare a riguardare i 91 milioni che attendiamo dallo Stato. Noi l’abbiamo fatto, l’80% trova riscontro di un debito che lo Stato riconosce nei nostri confronti – ha proseguito – Ci chiedevano poi una massima prudenza sui rischi dei derivati e noi abbiamo assunto il criterio della massima prudenza nella gestione del nostro bilancio, non mettendo tutto quello che loro avevano indicato come riserva, ma una parte”.

Rossetti ha spiegato poi che è possibile che nel consuntivo 2014 la Corte faccia ulteriori rilievi o dia ulteriori suggerimenti nella direzione di una buona condotta di governo del bilancio regionale. “Questo è quello che succede anche al governo italiano, alla camera e al senato – ha concluso – al contrario di quanti alcuni hanno asserito, il bilancio va bene perché è stato parificato”.

Secondo quanto riferito dall’assessore l’assestamento di bilancio 2014 consente di liberare nuove risorse “anche per andare incontro alle esigenze delle imprese e delle famiglie alluvionate per quasi 25 milioni di euro”.

“Grazie al rendiconto 2013 e dell’assestamento 2014, approvati con responsabilità dalla maggioranza – ha detto Rossetti – siamo in grado di liberare 56 milioni di euro di cui circa 25 milioni di euro di risorse a favore delle imprese e delle famiglie alluvionate il 9 ottobre scorso, 17 milioni per il Tpl, 23,6 mln alla protezione civile, 4 milioni all’edilizia sanitaria, 3,3 milioni all’agricoltura, 6 milioni al cofinanziamento di progetti comunitari e 1 milioni per la difesa del suolo. Inoltre si copriranno gli 800.000 euro di tagli dei trasferimenti statali sul Tpl, i 100.000 euro stanziati per il Salone Nautico, 3 milioni ulteriori per la scorsa alluvione a cui si aggiungono 1,135 milioni di euro che il consiglio regionale mette a disposizione per aiutare gli alluvionati”