Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Amianto: il 27 ottobre incontro al Ministero del Lavoro

Più informazioni su

Genova. Questa mattina al Circolo dell’Autorità Portuale di Via Albertazzi si è svolta la programmata assemblea dei lavoratori e pensionati esposti all’amianto alla quale hanno partecipato i parlamentari liguri, i capi gruppo delle forze politiche regionali, i rappresentanti della Giunta regionale.

L’assemblea ha preso atto con soddisfazione delle novità positive intervenute nei giorni scorsi: la Sentenza della Corte dei Conti che ha escluso il dolo per i funzionari dell’Inail nel rilascio delle certificazioni di esposizione all’amianto, e la Sentenza di proscioglimento pronunciata dal Gup il 10 ottobre scorso, che fa cadere l’ipotesi di reato di truffa ai danni dello Stato a carico del primo gruppo di pensionati Ansaldo. Entrambe le notizie rappresentano un importante elemento di chiarezza e rendono il quadro complessivo della vertenza amianto più chiaro e favorevole per i lavoratori.

I parlamentari liguri, le forze politiche, la Regione Liguria hanno ribadito la volontà di riprendere il percorso coordinato che deve coinvolgere le forze politiche nazionali, i capi gruppi di Camera e Senato, i Presidenti della commissione Lavoro di Camera e Senato, per arrivare a ottenere una norma collocata all’interno della Legge di Stabilità 2015 che deve avere l’efficacia di restituire i diritti negati ai lavoratori esposti all’amianto. Un primo risultato di questa mobilitazione è rappresentato dalla convocazione il giorno 27 ottobre a Roma presso il Ministero del Welfare e delle Politiche attive del lavoro per riprendere il confronto sulla vicenda amianto a Genova. A questo incontro la comunità politica e istituzionale territoriale i parlamentari liguri e le organizzazioni sindacali presenteranno al Governo la proposta di un emendamento idoneo a risolvere i problemi.

È un banco di prova importante in cui si misurerà la volontà del Governo di dare una soluzione definitiva alla vertenza soprattutto ora che è chiaro a tutti che in tutti questi anni i lavoratori sono stati ingiustamente penalizzati.