Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Alluvione, Terrile: “La nostra priorità ora è Genova, non le primarie”

Genova. “La nostra priorità è Genova: dobbiamo dare risposte alla nostra gente che ancora una volta dimostra profondo senso civico ed una straordinaria capacita di reazione”. Inizia così la nota inviata in serata dal segretario provinciale del Pd, Alessandro Terrile.

“Ci sentiamo pienamente coinvolti per quanto accaduto e non accettiamo lo scaricabarile delle responsabilità – scrive Terrile – Chiediamo ai nostri amministratori ad ogni livello di fare piena chiarezza sulla catena di eventi, su quanto non ha funzionato nelle attuali procedure di protezione civile, predisponendo nuovi e più efficaci modelli organizzativi per affrontare le emergenze. In questo contesto chiediamo che dare risposte a Genova ed ai Comuni della provincia colpiti sia considerata priorità del Partito Democratico anche a livello regionale e nazionale. Dobbiamo essere sintonizzati con la realtà e il sentire del nostro territorio e rinviare al 2015 ogni discussione sulle candidature per la Presidenza della Regione Liguria.” Così il segretario al termine della Segreteria PD Genova riunitasi al Circolo del Centro Storico, stante l’inagibilita della sede di Piazza della Vittoria.

“Chiediamo al Comune di valutare da subito per residenti ed imprese delle zone colpite il rinvio delle scadenze di pagamento di TASI e TARI.
Al Governo chiediamo che con la dichiarazione dello stato di emergenza per il territorio genovese, al pari di quanto accaduto per il terremoto dell’Emilia Romagna, siano prorogate le scadenze fiscali previste nei prossimi mesi, nonché l’allentamento del Patto di Stabilità e di quello di Solidarietà Interna, per permettere agli enti locali di affrontare gli interventi specifici in somma urgenza.

Per essere poi concretamente vicini e solidali con quanti sono stati colpiti dall’alluvione, come già fatto in occasione del 2011, sarà aperto da domani un apposito conto corrente sul quale raccoglieremo il contributo dei nostri eletti, dei Circoli e di tutto il Partito Democratico”.