Cronaca

Alluvione a Genova, sommerso l’ufficio immigrazione della Questura: distrutte macchine della polizia

Genova. L’ufficio immigrazione della Questura è praticamente distrutto e sommerso dal fango a seguito degli ingenti danni causati dall’alluvione e resterà chiuso fino a data da destinarsi.

“Fortunatamente il disastro si è verificato di notte e si è evitato il peggio – dichiara Roberto Traverso, segretario provinciale del Silp Cgil – Se fossero stati presenti operatori e utenti sarebbe stata una tragedia”.

L’auto blindata a disposizione della scorta al Cardinale Bagnasco, galleggiando ha sfondato le vetrate dell’open-space, gli uffici sono completamente distrutti e ingenti i danni anche alle “camere di sicurezza”, sono inondate ed inagibili. Numerose inoltre le auto danneggiate irreparabilmente delle Volanti della Questura, dei Commissariati e di molti altri uffici (tra i quali Squadra Mobile Digos Anticrimine Immigrazione Nucleo Servizi ect).

“Encomiabile tutto il personale impegnato nei servizi di ordine e soccorso pubblico che ininterrottamente sta prestando servizio sul territorio devastato. Anche la Polizia di Stato non ha ricevuto nessuna segnalazione dalle autorità competenti in merito a interventi di soccorso preventivi – conclude Traverso – Il Ministero dell’interno dovrà immediatamente stanziare fondi straordinari per ristrutturazione danni e nuovi mezzi. Inoltre occorre che il Questore chieda il supporto del Prefetto per fare arrivare immediatamente personale aggregato a Genova per supportare le operazioni di soccorso”.

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Genova24 è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Genova24 di restare un giornale gratuito.