Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Alluvione Genova, Questura devastata. Silp: “Cosa sarebbe accaduto se fosse stato giorno?” foto

Più informazioni su

Genova. Viviamo in queste ore insieme ai cittadini genovesi la tragedia che ha colpito molte persone colpite dall’ennesima alluvione, evento che ha causato danni molto ingenti anche alle strutture dell’edificio di via Diaz, sede della Questura di Genova.

Anche alcuni organi di stampa hanno riportato le vicende e le immagini relativi alla devastazione che l’onda di fango ha portato all’interno dell’Ufficio Immigrazione.

Poiché le cose non accadono mai per caso…ricordiamo che il Silp Cgil fin dal primo momento che fu deciso di collocare una così importante attività (ricordiamo che si tratta dell’Ufficio più produttivo d’Italia per numero di pratiche) in un seminterrato ove non potevano essere rispettate le normative riguardanti i luoghi di lavoro, fu contrario a tale decisione anche quando con una deroga dell’Organo di Vigilanza fu consentito formalmente ciò che non si sarebbe potuto fare: lavorare sottoterra.

Le prescrizioni inserite in detta deroga, mai rispettate (aerazione meccanica con puntuale ispezione dei filtri, accurata manutenzione, nessuna corrente d’aria, adeguato impianto di illuminazione) indussero il Silp Cgil di Genova a presentare un esposto alla Procura della Repubblica in data 25 luglio 2013 specie per l’inottemperanza a quanto disposto dall’Ufficio di Vigilanza, con particolare riferimento all’omessa installazione di un sistema di controllo e di segnalazione guasti al sistema di aerazione nonché alla provenienza di correnti dalle bocchette dell’aria condizionata.

Il risultato ottenuto fu che all’ex Questore Mazza, pur sollecitato da questa o.s. a più riprese, ma pervicacemente riluttante al rispetto delle prescrizioni, venne comminata una sanzione penale per inadempienze sulla sicurezza sui luoghi di lavoro che gli valse anche una sanzione di Euro 1700 che la Prefettura, incredibile ma vero, immediatamente gli rimborsò avvalendosi di un apposito capitolo di spesa.

Ad ora, l’unico risultato tangibile è stato il parziale sgombero dell’archivio immigrazione del 4° piano ove le pratiche venivano poste anche in terra ed al di qua delle porte tagliafuoco.

Ma ora si contano i danni, quelli economici e quelli umani di centinaia di persone delle quali sono andate perse le pratiche, per una scelta sbagliata che è stata una voragine di spreco di denaro pubblico.

FORTUNATAMENTE NON CI SONO STATE VITTIME, MA COSA SAREBBE ACCADUTO SE L’UFFICIO IMMIGRAZIONE FOSSE STATO INVESTITO DALLE ACQUE IN ORARIO DI LAVORO?

In questi giorni si stava pianificando il trasferimento dell’Ufficio Immigrazione presso i locali ex INPS di Piazza Ortiz, soluzione tardiva che denuncia la mancanza di contatti, rapporti e collaborazione istituzionale.
Soluzione logistica di stampo “spending review” che vede inopinatamente coinvolto anche il commissariato Centro che dalla sede storica di Piazza Matteotti è stato individuato per trasferirsi in circonvallazione a mare!!!

Per evitare un altro errore come quello appena descritto il Silp Cgil di Genova si è immediatamente attivato con il Comune di Genova individuando insieme lo stabile dell’ex scuola Garaventa come soluzione coerente alle esigenze di un commissariato di Polizia: stare in centro città ed essere un punto di riferimento per i cittadini.

Non accetteremo che per paventate mancanze di fondi per la ristrutturazione dello stabile non venga attivato l’insediamento di “Centro” in una struttura idonea, che solo grazie al Silp ed ai suoi riferimenti istituzionali è stato possibile individuare, e non esiteremo in caso contrario a mettere in atto ogni forma di pressione (manifestazione di piazza, raccolta firme ecc…) con tutte le componenti della società che vorranno partecipare.

Piuttosto crediamo sia giunto il momento per la nostra Amministrazione di cucire finalmente quei necessari rapporti istituzionali assenti da troppo tempo ormai, e la scusa del distacco creato con la città dal G8 del 2001…non regge più.

Segreteria provinciale Silp Cgil