Cronaca

Alluvione Genova, l’opposizione prepara la mozione di sfiducia: “Doria inadeguato”

lilli lauro

Genova. Il sindaco Doria riferisce in aula, l’opposizione ascolta e poi presenta il conto. E’ il resoconto della concitata giornata a Palazzo Tursi, alle prese con la manifestazione di Ora Basta e con l’emergenza alluvione ancora in corso. “Sono piena di disprezzo per quello che sta succedendo a questa città e per l’ignavia della politica – ha tuonato il capogruppo di Forza Italia, Lilli Lauro a fine relazione – Oggi mi aspettavo che arrivasse almeno un documento, invece continuiamo a parlare e non succede niente”. Molte le cose che, al contrario, secondo la minoranza si potrebbero fare. “Abbiamo bisogno di coraggio – ha sottolineato Lauro – nutro un disprezzo profondo verso questa politica che ci fa disprezzare. Io non ci sto, martedì mozione di sfiducia che mi auguro che voterete anche voi”, ha detto poi rivolta ai banchi dei democratici.

“Doria ha dimostrato di non aver saputo gestire l’emergenza né tantomeno ha messo in campo tutti i mezzi a sua disposizione per prevenire l’alluvione e per mettere in sicurezza tutti i cittadini – ha rincarato il capogruppo della Lega Nord, Edoardo Rixi – Ma fatto ancor più grave non ha preso una decisione netta sull’azzeramento  dei tributi alle imprese danneggiate”. Rixi ha poi abbandonato la Sala Rossa, non prima di aver spiegato le motivazioni alla base della richiesta di dimissioni inderogabili del sindaco Doria, sottoscritta anche dai consiglieri di Forza Italia Lilli Lauro e Stefano Balleari. Mancano otto firme.

“I 5 Stelle e la Lista Musso hanno preso tempo – ha puntualizzato Rixi – faccio appello a tutte le forze dell’opposizione perché sottoscrivano il documento che poi verrà depositato e sottoposto al voto del consiglio”.

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Genova24 è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Genova24 di restare un giornale gratuito.