Economia

Alluvione Genova, le imprese rialzano la testa: via al bando regionale e ai prestiti a tasso zero

Genova. Oggi Confesercenti darà una dimostrazione pratica degli strumenti finanziari messi in campo per favorire l’immediata ripresa delle attività colpite dall’alluvione. Saranno infatti presenti i primi imprenditori ad avere aderito all’iniziativa “Solidarietà a tasso zero”, il prestito-ponte a tasso zero rimborsabile in 12 mesi che Confesercenti si impegna a mettere a disposizione delle imprese entro 10 giorni dalla presentazione della domanda.

L’iniziativa, lanciata in collaborazione con Unicredit, vedrà il via ufficiale proprio stamattina, con la firma dell’accordo con i rappresentati dell’istituto bancario. Successivamente, Confesercenti ne illustrerà i dettagli con i primi aderenti, e presenterà anche un secondo finanziamento rivolto ai lavoratori dipendenti che abbiano acceso mutui con qualsiasi istituto di credito per il risarcimento dei danni patiti.

Nel frattempo anche la Regione ha emesso il primo bando da 20 milioni di euro per le aziende alluvionate che hanno subito danni inferiori ai 40.000. Anche in questo caso le imprese, proprio a partire da oggi e fino al 14 novembre, le imprese potranno presentare domanda di rimborso alla Camera di Commercio di Genova, allegata al bando scaricabile dai siti della Regione Liguria all’indirizzo www.regione.liguria.it e di Filse www.filse.it, insieme al modello E, da presentare improrogabilmente entro il 10 novembre, scaricabile all’indirizzo www.ge.camcom.it per certificare i danni subiti che saranno periziati gratuitamente dagli Ordini professionali aderenti all’invito della Regione Liguria.

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Genova24 è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Genova24 di restare un giornale gratuito.