Cronaca

Alluvione Genova, i modelli di previsione non hanno funzionato: la Regione chiede aiuto a IIT

alluvione Genova, angeli del fango ed esercito in azione

Liguria. “Di fronte ad un errore è corretto interrogarsi su un’eventuale modifica dei modelli”. Così la Regione Liguria, nel corso di un incontro con il direttore scientifico Roberto Cingolani, ha chiesto all’IIT, l’Istituto italiano di tecnologia che promuove la ricerca scientifica in Italia, un supporto per individuare quelle realtà internazionali più avanzate in fatto di previsioni meteo in grado di leggere i cambiamenti anche climatici.

Lo hanno comunicato oggi i diretti interessati, gli assessori regionali alla protezione civile e all’Arpal Raffaella Paita e Claudio Montaldo dopo quanto accaduto in quest’ultima alluvione.

“C’è stata una generale sottostima del fenomeno – ha detto Montaldo – per questo metto comunque a disposizione dei consiglieri regionali tutta la documentazione trasmessa da Arpal. A livello italiano – ha continuato Montaldo – il nostro sistema di previsione ha dimostrato la sua limitatezza insieme anche a quelli di Toscana ed Emilia, visto quanto accaduto in Maremma e a Parma e comunque non solo il nostro modello aveva previsto un’attenzione dei fenomeni dalle 18 di giovedì scorso, ma anche altri e questo ha comportato un adeguamento alle previsione da parte di chi doveva dare l’allerta”.

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Genova24 è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Genova24 di restare un giornale gratuito.