Quantcast
Cronaca

Alluvione Genova, Doria: “Finanziamenti inadeguati, ora Governo passi dalle parole ai fatti”

Genova. “La quantità di finanziamenti per il primo ristoro dei danni è assolutamente non adeguata perché, com’è noto, abbiamo subito danni a strutture pubbliche ben superiori”. Lo ha detto il sindaco di Genova Marco Doria, a margine della seduta del consiglio metropolitano, a proposito delle risorse, solo 12 milioni di euro che il Governo sarebbe intenzionato a stanziare per lo stato di emergenza dopo l’alluvione del 9 ottobre secondo quanto affermato ieri nell’audizione di fronte alla commissione Lavori pubblici del Senato del prefetto Franco Gabrielli.

“Ho apprezzato molto le parole che era venuto a dire a Genova il capo della struttura di missione di Palazzo Chigi Erasmo d’Angelis circa l’intenzione del Governo di finanziare il terzo lotto dei lavori per la copertura del Bisagno – ha aggiunto il sindaco – ma ora come comunità pretendiamo di vedere seguire alle parole i fatti, senza dimenticare che lo scolmatore del Fereggiano e i lavori per il rifacimento della copertura del Bisagno sono opere assolutamente essenziali ma da sole non risolvono le criticità complessive di un territorio fragile come il nostro”.

“Occorre cambiare mentalità – ha proseguito Doria – e anzitutto assumere come priorità la fragilità del nostro territorio. In secondo luogo le norme, che sono fatte da coloro che siedono in Parlamento e a cui gli amministratori pubblici devono sottostare, devono essere semplici ed efficaci. Oggi non sono né uno né l’altro”.

Infine un commento sulla mancata audizione di ieri in commissione Lavori pubblici del Senato, per cui il sindaco non ha nascosto una certa irritazione. “L’organizzazione dei lavori è stata tale che, nonostante il senatore Matteoli avesse fatto presente ai commissari che c’erano altre persone da adire, compreso il sindaco del Comune capoluogo, evidentemente non si è ritenuto di ascoltarmi nei tempi che avevamo concordato in precedenza”, ha sottolineato ancora oggi Doria.

“Ora con il senatore Matteoli abbiamo concordato una data per una nuova audizione che si svolgerà il 12 novembre” ha concluso il sindaco.