Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Allarme vespa velutina, Liguria in campo contro il pericoloso calabrone

Liguria. Allarme vespa velutina, la Regione Liguria è impegnata nella lotta al pericoloso calabrone arrivato dalla Francia che ha iniziato ad invadere la parte Ovest della provincia di Imperia, con gravi danni alla produzione apistica. Dopo un fitto scambio di informazioni con la Francia, dove l’infestazione è ormai massiccia, La Regione Liguria, attraverso l’assessorato all’Agricoltura, sta mettendo a punto una strategia per intervenire rapidamente e non ripetere gli errori d’Oltralpe, dove inizialmente il problema è stato sottovalutato, permettendo così al predatore di diffondersi, pensando che riguardasse solo gli apicoltori e non l’intero territorio.

Nello scorso periodo invernale e primaverile sono così stati finanziati diversi seminari e convegni per sensibilizzare soprattutto gli apicoltori ma anche l’intera opinione pubblica al problema, e gli assessori all’Agricoltura delle due Regioni confinanti con la Francia, Piemonte e Liguria, hanno chiesto al Ministero delle Politiche Agricole un intervento, con la convinzione che se la minaccia non verrà adeguatamente affrontata tra pochi anni potrà diventare un problema per tutta il Paese.

E’ stata così finanziata una ricerca, affidata al Dipartimento di Scienze Agrarie per l’Università di Torino che si è avvalso dell’apporto del Politecnico per gli aspetti ingegneristici.

“Lo studio, realizzato nel Sanremese – spiega l’assessore all’Agricoltura Giovanni Barbagallo” – i cui primi risultati si incominciano ora a vedere, vuole risolvere il difficile aspetto della localizzazione dei nidi dei calabroni in ambiente naturale, utilizzando un radar adattato e dei sensori applicati sul corpo di insetti catturati, prima che i predatori possano danneggiare gli alveari vicini e sciamare a fine estate”.

I risultati sono incoraggianti, anche in un territorio difficile come quello ligure, e possono dare un valido supporto all’attività delle squadre di apicoltori e di volontari che si adoperano alla distruzione dei pericolosi insetti.