Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Acqua Pubblica, obiettivo proposta di legge regionale: Lavagna primo Comune ad aderire alla raccolta firme

Tigullio. E’ partita a ottobre in tutta la Liguria la raccolta firme per una proposta di legge regionale sull’acqua organizzata dal Coordinamento Regionale Ligure dei Movimenti per l’Acqua.
Diverse le associazioni che si sono resi disponibili per condividere l’iniziativa.

“A Sestri Levante ha aderito la lista civica Segesta Domani e il Movimento 5Stelle effettuerà dei banchetti di raccolta in alcuni comuni del Tigullio e del Golfo Paradiso – spiega il Comitato – Lavagna invece è il primo comune che aderisce e per questo ringraziamo vivamente il sindaco Pino Sanguineti e la sua lista Movimento per Lavagna con i quali contiamo di organizzare nel mese di novembre una grande assemblea pubblica per tutto il Tigullio ,con il fine di spiegare la proposta di legge ai cittadini”.

Il Comitato Acqua Pubblica Tigullio intanto invita i cittadini a firmare a Rapallo , sabato mattina 25 ottobre in P.za Cavour , lato Via Mameli , dalle 9,30 alle 13,00. Si può andare a firmare la legge presso tutti i comuni del Tigullio e del Golfo Paradiso.

Le firme da raccogliere sono minimo 5000 in tutta la Regione entro il marzo del 2015. La legge poi dovrà essere discussa obbligatoriamente entro un anno dal deposito delle firme.

“Andare a firmare è importante perché così potremo portare in Regione una legge che realizzi finalmente un servizio idrico pubblico, senza fini di lucro, così come votato nel referendum del 2011,rispettoso dell’ambiente ed efficiente nell’uso delle risorse”.

I punti principali della legge, che si compone di 15 articoli, sono : la fornitura gratuita di 50 litri al giorno a persona, il divieto dei distacchi per morosità, il divieto di vendere il capitale tecnico del servizio idrico che rimane di proprietà pubblica, tariffe calmierate che disincentivano gli sprechi, la trasparenza, l’informazione e sopratutto la partecipazione dei cittadini alla gestione del servizio idrico, attivando il principio che pago e quindi decido.