Cronaca

Ucciso a coltellate nel suo camper: Giorgio Bozzo era in Turchia per una missione umanitaria

coltello

Genova. Giorgio Bozzo, il camperista genovese vittima dell’omicidio di Trebisonda era impegnato in Turchia in una missione umanitaria. Secondo quanto si è appreso, infatti, l’uomo stava partecipando a una spedizione organizzata dall’associazione “Arance di Natale Onlus”, che aveva portato aiuti umanitari a bambini orfani.

A quanto pare la missione era stata conclusa e Bozzo con un gruppo di altri campeggiatori era sulla via del ritorno. La vittima e sua moglie, anche lei lievemente ferita,  erano iscritti alla onlus da diversi anni. “Siamo sconvolti – ha detto un dirigente dell’associazione – Bozzo era con noi da tempo, era un punto di riferimento importante. Non possiamo dire di più. Siamo in attesa di notizie”.

I Bozzo vivevano nel quartiere di Apparizione sulle alture del Levante di Genova.