Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Simona Izzo e Ricky Tognazzi “portafortuna” di Ferrero: “Lui è ultras nel calcio come nel cinema”

Genova. Gli attori Ricky Tognazzi e Simona Izzo portafortuna di questa Sampdoria vincente. Un 2-0 rotondo contro il Torino che non ha mai tirato in porta. “Adoro Massimo – dice Izzo, riferendosi al presidente Ferrero – perché mette passione in tutto quello che fa, anche quando è sul set vuol fare lui i dolly , non ce l’aspettavamo il suo ingresso nel mondo del calcio”.

“Non so proprio dire se abbia fatto bene a buttarsi in questa avventura – commenta Tognazzi – quello che spero è che continui a fare anche cinema, ma quello che è certo è che solo con questa passione può interpretare al meglio il ruolo che ha nel calcio”.

Soddisfatto del match Okaka: “Il presidente ci ha ringraziato, era molto emozionato. La partita l’abbiamo dominata, loro zero tiri in porta, noi dieci, l’obiettivo ora è vincere la prossima, andiamo un passo alla volta”. Mihajlovic si coccola il venticinquenne ex Parma, ma da padre severo qual è non fa sconti: “Okaka ha buttato 6-7 anni di carriera, è molto diverso da quello delle scorse stagioni, finché sarà con me sa che deve continuare così. Qui ha trovato un allenatore che gli ha dato fiducia e che gli “rompe le scatole”, lui ha tutto: è bravo tecnicamente, ha il fisico ed è generoso, fa reparto da solo”.

L’allenatore serbo è soddisfatto della partita fatta dai suoi: “Abbiamo mantenuto le distanze molto corte, siamo sempre andati a pressarli alti perché loro fanno girare la palla molto bene dietro. Poi siamo stati bravi a sbloccare il risultato, perché trovare spazio quando in 10 stanno dietro la linea della palla è difficile”. Per Mihajlovic la Samp ha vinto meritatamente rischiando poco, quasi niente. “Abbiamo fatto sempre il nostro gioco, giochiamo per vincere, mai per non perdere. Mi auguro che i tifosi siano così presenti anche quando le cose non andranno bene, perché ti mettono le ali ai piedi”.
Mihajlovic fa i complimenti a Gabbiadini per la bella punizione con cui ha sbloccato il risultato: “Gli ho detto io di tirare basso, sicuramente è un vantaggio il fatto che ora la distanza venga rispettata grazie alla bomboletta spray. Se ci fosse stata quando giocavo ancora io, avrei fatto molti più gol. Però abbiamo anche sbagliato molti schemi sui calci piazzati, dobbiamo lavorare ancora”.