Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Genova, si barrica in casa con la madre poi minaccia tutti con il coltello: 45enne trasportato in psichiatria

Genova. Si era barricato in casa con la madre e, armato di coltello, minacciava tutti. E’ successo stanotte in via Napoli, nel quartiere genovese di Oregina. Sul posto sono accorsi i carabinieri del Nucleo Radiomobile, il 118, il nucleo T.S.O. della polizia municipale e i vigili del fuoco.

Per poter entrare nell’appartamento i vigili del fuoco hanno dovuto tagliare il ferro morto della porta. L’uomo si era infatti chiuso in casa, rifiutando il ricovero e minacciando i presenti con un grosso coltello da cucina. Per questo motivo è stato richiesto l’intervento di una pattuglia dell’autoreparto della Polizia Municipale, specializzata negli interventi di contenimento e trattamento sanitario obbligatorio. Una volta giunti sul posto gli agenti hanno convinto la persona ad aprire la porta di casa, da cui però è uscita brandendo, oltre che il coltello da cucina, con una lama di 15 centimetri, anche con un lungo bastone reggitende con terminale appuntito.

Dopo vari tentativi gli agenti, utilizzando gli strumenti contenitivi in dotazione sono riusciti a disarmare e a immobilizzare il paziente, facendolo salire sull’ambulanza che lo ha trasportato presso l’ospedale Galliera. A seguito della colluttazione con l’uomo uno degli agenti è stato ferito alla spalla destra e ha riportato un trauma alla caviglia sinistra.

Gli agenti che prendono parte a questo servizio vengono addestrati e sono operativi 24 su 24. Tutti gli interventi di trattamento sanitario obbligatorio vengono compiuti secondo un protocollo operativo stabilito dalla Regione Liguria che pone particolare attenzione nella tutela delle persone sottoposte al trattamento obbligatorio.

La Polizia Municipale esegue una media di 350 trattamenti sanitari obbligatori all’anno con ottimi risultati, sia per la sicurezza delle persone trattate, sia per gli agenti. Quello di questa notte è il primo infortunio del 2014 mentre nei due anni precedenti non ci sono stati infortuni di rilievo.