Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Genova, il 27 settembre arriva la Cena in Bianco: parola d’ordine “total white”

Più informazioni su

Genova. Il luogo è top secret, ma la data c’è: la prima “Cena in bianco, Uncoventional Dinner” del capoluogo ligure si terrà il prossimo sabato 27 settembre, giorno in cui anche Genova, così come hanno già sperimentato con gran successo Milano e Torino, si veste di bianco.

“Iniziate ad organizzarvi: tutti i mezzi di trasporto sono ammessi per raggiungere la location segreta. Carrelli, carrellini, monopattini, apecar, cestini, borse frigo e carriole! All’area prescelta si potrà accedere facilmente per un comodo scarico e carico di tutto il necessaire!”, si legge sulla pagina Facebook Cena in Bianco Genova.

Ma cosa è la Cena in Bianco? E’ fondamentalmente un flash-mob, o meglio “un appuntamento collettivo in cui si potrà essere protagonisti della cena pubblica più elegante, etica ed ecologica della città, in un luogo che rimarrà segreto fino a 48 ore prima della serata, in cui tutti i partecipanti dovranno portarsi tavoli, sedie, tovaglie, stoviglie, decorazioni, cibo e sacchetti per la spazzatura. A fine serata si sparecchia e ci si riporta a casa tutto, lasciando lo spazio come lo si era trovato: in perfetto ordine”.

Parola d’ordine, che caratterizza l’evento: total white, ovvero il bianco. Bianchi dovranno essere infatti i tavoli, le tovaglie, i vestiti, ma anche gli accessori come cappelli, candelabri, centritavola, candele, decorazioni, segnaposti, ecc.. Solo cibo e bevande potranno trasgredire la regola. Tavoli rotondi, plastica, carta, lattine e superalcolici non saranno ammessi.

La partecipazione è gratuita, serve compilare il format disponibile sulla pagina Facebook o sul blog. Si comincia l’allestimento alle 19, poi il brindisi e infine applauso corale e fine della cena. A mezzanotte la location dovrà essere lasciata libera e pulita. L’Unconventional Dinner Cena in Bianco, anche a Genova dovrà infatti rispettare il codice delle 5 E: Educazione, eleganza, ecologia, estetica, etica.