Quantcast

Calcio, Genoa-Sampdoria: “Cinque domande” al tifoso blucerchiato Fabrizio Mazzoni

Genova. Fabrizio Mazzoni, voce storica, nonché pioniere del movimento radiofonico genovese, per averci intrattenuto – fra le tante trasmissioni – su Radio Babboleo, Liguria Uno, Radio Mirage, è un super tifoso della Sampdoria.

A lui rivolgiamo le stesse domande fatte al genoano Italo Italo Vallebella.

Vincono i blucerchiati… perché?

“Vince la Sampdoria, perché è in un grande momento; la squadra è perfettamente amalgamata e condotta da quel grande condottiero che è risultato essere Sinisa Mihajlovic, vero valore aggiunto, che ha dato un gioco ed una fisionomia alla Samp, chiunque scenda in campo. Ha portato una mentalità positiva alla squadra, trascinandosi dietro tutto l’ambiente blucerchiato. Vince il Doria, perché la Sud è il dodicesimo uomo in campo”.

Perché si diventa doriani?

“Da piccolo ero interista. Dopo la perdita di mio padre, quando avevo dieci anni, con amici andai a vedere una partita della Sampdoria e rimasi ‘folgorato sulla via di Damasco’ da ‘quei colori magici che fan venire i brividi’. Tifo Samp, perché siamo l’unica squadra della città, a differenza degli ‘altri’ che sono inglesi”.

Quale è il ricordo più nitido della ‘tua’ stracittadina ?

“Sono molto legato e non potrebbe essere altrimenti, alla Samp d’oro di Vialli e Mancini, la squadra dei sogni diventati realtà, vissuta e non sentita raccontare…, ricordo l’aeroplanino di Montella, dopo una rete segnata alla sua ex squadra, proprio sotto la Nord, ammutolita come non mai”.

Quale messaggio può mandare il derby della Lanterna alla città?

“Non credo molto a messaggi che partono da una partita di football. Il derby è un avvenimento a se stante, credo che la coreografia e lo spettacolo di civiltà sugli spalti facciano parte della cultura sportiva dei genovesi, nessun derby si avvicina al nostro e di questo ne sono orgoglioso”.

Se vincono i ragazzi di Mihajlovic, hai in mente qualche sano sfottò da dedicare a un cugino a te particolarmente caro?

“Certamente! Sulla mia rubrica telefonica ho inserito un gruppo riservato ad amici genoani, cui spero di inviare tanti sms scherzosi a fine partita… sperando, chiaramente, di non doverli ricevere io! Questo è lo spirito del nostro derby”.