Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Sacerdote scomparso a Genova, trovato morto a Livorno: sul corpo nessuna traccia di violenza. Esclusa anche la caduta accidentale

Più informazioni su

Genova. Si sarebbe tolto la vita Giacomo Vigo, il sacerdote 42enne, che viveva con i suoi confratelli nel centro storico. Il corpo senza vita del prete è stato trovato ieri mattina in mare a Livorno, nella darsena del porto vecchio. Il primo esame eseguito dal medico legale e le indagini della polizia hanno portato a escludere le ipotesi iniziali di un incidente o di una morte violenta e hanno fatto emergere la tragedia personale: il povero sacerdote si sarebbe suicidato a seguito di una forte depressione.

Timido e riservato, grande nuotatore, molto disponibile all’ascolto, laureato in biologia, un profilo twitter, il sacerdote era molto impegnato nel volontariato nel centro storico di Genova, dove guidava una parrocchia e prestava servizio in un ambulatorio per i meno abbienti. Da qualche tempo era sottoposto a cure psichiatriche per crisi depressive, ma da alcuni giorni, secondo quanto è stato ricostruito dalla squadra mobile di Livorno, aveva però smesso di prendere le medicine prescritte.

L’uomo era scomparso l’altro ieri da Genova e il padre superiore della sua comunità religiosa, situata nel quartiere della Maddalena, conoscendo le sue precarie condizioni di salute, aveva immediatamente dato l’allarme. Il sacerdote aveva detto ai confratelli che sarebbe andato a visitare la madre di 85 anni che vive a Genova, ma una verifica ha fatto scoprire che questa volta non si era presentato dalla donna. Verosimilmente ha raggiunto Livorno in giornata e in serata, o nel corso della notte, ha messo in atto il gesto estremo.

Il medico legale Luigi Papi, che ha ispezionato il cadavere, ha escluso qualunque forma di violenza che potesse essere in alcun modo causa del decesso. Non sono state riscontrate neppure altre ferite esterne compatibili con cause accidentali e ciò ha fatto propendere gli inquirenti per l’ipotesi del suicidio.