Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Rapallo, il consigliere Bagnasco: “Situazione critica per i balneari, controproducente alimentare polemiche”

Rapallo. A seguito degli articoli di stampa che hanno avuto eco anche in Regione sulle polemiche riguardanti il numero delle cabine e il loro posizionamento nelle strutture balneari delle spiagge di Rapallo e quanto evidenziato dal comitato spontaneo dei cittadini che rileva una presunta anomalia della situazione dovuta ad una supposta inadempienza del Comune, il consigliere regionale Roberto Bagnasco auspica un confronto ragionato e pertinente, già avviato nella recente Conferenza di Servizi, che tenga bene in considerazione la necessità prioritaria di conservare e sostenere un settore, quello balneare, di grande importanza economica e turistica per il nostro territorio e già ampiamente e pesantemente provato dalla situazione contingente meteorologica di questa stagione estiva e che deve subire la “spada di Damocle” della imminente applicazione della normativa europea Bolkestein.

“A poco serve, a mio parere, – dichiara Bagnasco – mettere in ulteriore difficoltà chi da sempre lavora per mantenere a Rapallo e negli altri comuni costieri un alto livello di ricettività turistica sulle nostre spiagge che purtroppo sono spesso fruibili in modo adeguato proprio ed unicamente laddove insistono gli stabilimenti balneari che assicurano pulizia, accesso e servizi per l’uso delle spiagge da parte dei cittadini”. “ Senza dimenticare il gran numero di posti di lavoro garantiti e mantenuti, non solo stagionalmente, da queste strutture. Mettere in difficoltà questo comparto produttivo inciderebbe, quindi, pesantemente anche sulla già precaria situazione del lavoro della nostra Regione.”

“Vero, altresì, che i Comuni devo assicurare la corretta applicazione della Legge regionale che disciplina le funzioni in materia di difesa della costa, il rinascimento degli arenili e la protezione e l’osservazione dell’ambiente marino e costiero”.
Il consigliere regionale poi aggiunge: “I comuni, garantendo il buon funzionamento del Progetto di utilizzo del litorale, devono intervenire affinchè le spiagge libere siano pulite e ben mantenute, favorendone l’accesso e l’utilizzo a tutti i cittadini “. “nel caso specifico di Rapallo – conclude Roberto Bagnasco – il Comune dovrebbe impegnarsi ad aumentare la superficie destinata a spiaggia libera intervenendo con un considerevole ed significativo rinascimento del litorale di levante creando ex novo una spiaggia in più da dedicare interamente alla libera balneazione.”