Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Sampierdarena, scommesse e gioco d’azzardo senza licenza all’interno del negozio: 4 denunce

Genova. Sembrava un normale negozio di articoli e gadget sportivi in genere, ma all’interno accadeva ben altro. Lo scorso 31 luglio, personale della Sezione Polizia Amministrativa del Commissariato Cornigliano ha effettuato un controllo presso l’esercizio commerciale e fin da subito gli operatori hanno notato che all’interno erano presenti tre schermi di grosse dimensioni sui quali scorrevano immagini di partite di calcio, corse di cani e giochi virtuali tipo roulette, nonché un cestino raccogli rifiuti dove sono stati rinvenuti numerosi scontrini che, senza dubbio, si riferivano a scommesse on-line.

Appoggiate ad una parete, due piccole vetrine contenenti alcuni gadget di Genoa e Sampdoria. I poliziotti, insospettiti, hanno interrogato le due commesse presenti nell’esercizio, un’italiana di 25 anni e un’ecuadoriana di 21, chiedendo loro di mostrare il registratore di cassa per la vendita al dettaglio. Le stesse, imbarazzate, hanno ammesso di esserne sprovviste e che in caso di vendita erano solite rilasciare agli acquirenti una fattura compilata tramite un blocchetto dal quale l’ultima emissione risaliva all’aprile scorso.

Essendo evidenti varie irregolarità, gli agenti hanno contattato il rappresentante legale della società, un albanese di 42 anni, e un italiano di 31 anni che, a dire delle stesse donne, era il gestore della raccolta scommesse per conto di una società estera. I due, non essendo presenti al momento a Genova, si sono presentati nei giorni successivi presso gli uffici del Commissariato Cornigliano, nel frattempo gli operatori hanno potuto verificare che il locale era sprovvisto di regolare licenza per la raccolta scommesse e che entrambi avevano precedenti per reati commessi in concorso tra loro, sempre inerenti al gioco d’azzardo.

Al termine dei dovuti accertamenti, sia le due commesse che i due uomini sono stati denunciati per aver favorito ed esercitato illegalmente la raccolta scommesse on-line e il gioco d’azzardo.