Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Gastaldello salva la Sampdoria e rovina la festa al Palermo e a Iachini

Più informazioni su

Allo stadio ‘Renzo Barbera’, dopo un anno di purgatorio è tornata la Serie A, ma la Sampdoria rovina la festa del Palermo al 90′. Alla fine, infatti, è solo 1-1 per la felicità del presidente Massimo Ferrero che debutta in Serie A con un pareggio in un campo difficile come quello siciliano.

Ottima la prestazione dei rosanero nel primo tempo, trascinati da un super-Dybala, autore del goal che apre il match.

I blucerchiati, in dieci dal 41′ per il doppio giallo sventolato a Regini, non si rendono mai pericolosi dalle parti di Sorrentino. E sono anzi i padroni di casa a sfiorare in più occasioni il goal della sicurezza, che però non arriva. Ecco allora che, allo scadere e sugli sviluppi di un corner, la difesa rosanero si dimentica di Gastaldello che spezza i sogni del Palermo e rovina la serata al suo ex allenatore Beppe Iachini.

La partita. Beppe Iachini schiera il blocco che lo scorso anno ha festeggiato il ritorno nel calcio dei grandi. La partenza aggressiva dei rosanero sorprende i blucerchiati che faticano a prendere posizione.

Il Palermo è compatto e riparte veloce. Al 7’ Barreto lancia in verticale sul filo dell’outside Dybala che brucia Gastaldello e Regini battendo di sinistro Viviano. L’argentino si ripete come al suo esordio in A, due anni fa, quando aveva realizzato una doppietta proprio alla Sampdoria.

Debole la reazione degli undici di Mihajlovic con Sorrentino che spegne le velleità di Okaka e Obiang, ma il Palermo mostra grande determinazione e concede molto poco alla formazione genovese.

La partita è dura e sono numerosi gli scontri di gioco e i cartellini. Regini, già ammonito, al 41’ tocca con il braccio largo il pallone in chiusura su Dybala. Per il direttore gara non ci sono dubbi: secondo giallo ed espulsione con Mihajlovic che corre immediatamente ai ripari e manda nella mischia il nuovo acquisto Silvestre e toglie Sansone.

I blucerchiati in 10 non mollano e alzano il baricentro e il ritmo della partita, rischiando di subire il secondo gol con le ripartenze dei rosanero, ma Vasquez e Pisano mancano il colpo del KO.

MIhajlovic getta allora nella mischia Bergessio al posto di Paolombo e su un corner al 92′ arriva il gol del pareggio con Gastaldello, dimenticato in area piccola, che sfrutta l’ultima occasione e batte Sorrentino.

Palermo 1
Sampdoria 1
Reti: p.t. 7′ Dybala; s.t. 46′ Gastaldello.
Palermo (3-5-2): Sorrentino; Muñoz, Terzi, Andelkovic; Pisano, Bolzoni, Rigoni (26′ s.t. Ngoyi), Barreto, Daprelà; Dybala (31′ s.t. Belotti), Vázquez (49′ s.t. Bentivegna).
A disposizione: Ujkani, Fulignati, Vitiello, Milanovic, Cochev, Quaison, Souleman, Maresca, Morganella.
Allenatore: Giuseppe Iachini.
Sampdoria (4-3-3): Viviano; De Silvestri, Gastaldello, Regini, Cacciatore; Soriano, Palombo (31′ s.t. Bergessio), Obiang (20′ s.t. Krsticic); Sansone (44′ p.t. Silvestre), Okaka, Eder.
A disposizione: Da Costa, Massolo, Duncan, Fedato, Campaña, Rizzo, Salamon, Wszolek.
Allenatore: Sinisa Mihajlovic.
Arbitro: Tommasi di Bassano del Grappa.
Assistenti: Paganessi di Bergamo e Preti di Mantova.
Quarto ufficiale: Vivenzi di Brescia.
Arbitri addizionali: Merchiori di Ferrara e Aureliano di Bologna.
Note: espulso al 41′ p.t. Regini per doppia ammonizione; ammonito al 26′ p.t. Rigoni, al 30′ p.t. De Silvestri, al 33′ p.t. Regini per gioco scorretto, al 37′ s.t. Okaka per comportamento non regolamentare; recupero 1′ p.t. e 3′ s.t.; abbonati 9.317; terreno di gioco in buone condizioni.