Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Ex Stoppani, al via la nuova fase di demolizioni: quattro giorni di chiusura sulla provinciale di Lerca foto

Cogoleto. Inizierà la prossima settimana, dal vecchio magazzino prodotti, la nuova fase di demolizioni e decontaminazioni nell’ex Stoppani, la fabbrica chimica che per oltre un secolo ha inquinato con il cromo la Val Lerone, prima dell’avvio del risanamento affidato dal 2006 a un Commissario delegato dal Governo.

Il magazzino, dove venivano depositati i prodotti finali delle lavorazioni (l’acido cromico e il salcromo) è, fra le strutture
rimaste, una delle più interessate dal cromo esavalente e anche la stabilità della costruzione in metallo e mattoni, molto degradata e
parallela alla strada, è ormai fortemente compromessa.

Per questo il primo intervento per completare smantellamenti e risanamenti anche nell’area Nord dell’ex stabilimento partirà proprio dal
magazzino. Per svolgere in totale sicurezza per il personale, i cittadini e il territorio in generale, tutte le complesse e delicate
operazioni del cantiere, la Struttura commissariale per il sito ex Stoppani, d’intesa con il Comune di Cogoleto, ha chiesto alla
Provincia la chiusura, per il tempo strettamente necessario, del tratto iniziale della strada provinciale 78 di Lerca.

L’ordinanza della Provincia ha disposto così la chiusura dei primi 800 metri della strada dalle ore 7 di martedì 2 settembre alle ore 19 di venerdì 5 settembre per la demolizione e decontaminazione del magazzino prodotti, stabilendo anche che l’impresa incaricata dei lavori (Riccoboni spa) dal Commissario ex Stoppani oltre a collocare la segnaletica necessaria e indicare i percorsi alternativi debba anche informare gli utenti della chiusura della strada entro il 28 agosto.

Completato questo intervento, di cui il Comune di Cogoleto monitorerà le fasi di avvio e la gestione delle attività, le demolizioni e decontaminazioni nell’area nord dell’ex stabilimento del cromo proseguiranno nei prossimi mesi con gli smantellamenti degli impianti di lisciviazione e del forno 70.