Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Lettere al direttore

Commissariato Rapallo, Silp-Cgil: “Il dirigente pensi alla sicurezza dei cittadini, non alla carriera”

Più informazioni su

Da tempo sosteniamo che le cose presso il Commissariato di Rapallo hanno preso una brutta piega, ma come è nostra consuetudine prima di divulgare lettere e comunicati cerchiamo sempre di avere un dialogo con i nostri interlocutori. In questo caso a nulla sono valse le esortazioni verbali fatte al Dirigente del Commissariato di Rapallo in merito ad una più equa ripartizione dei carichi di lavoro, ad una maggiore equità nella rotazione fra tutto il personale e ad una maggiore correttezza nell’utilizzo dello stesso.

Inoltre non vogliamo certo credere a quanto si vocifera che il personale del Commissariato sia stato esortato in maniera subdola a dare disdetta al Silp attribuendo a questa O.S. la volontà di voler mettere “il bastone tra le ruote” a coloro che hanno voglia di lavorare.

Si fa presente che questa O.S., visto le problematiche venutesi a creare all’interno del Commissariato (mancanza di uscita delle volanti sul territorio, problemi per i turni delle ricezioni denunce, utilizzo del personale fuori dagli orari previsti ecc…), ha solo chiesto che venisse rispettato l’A.N.Q..

Non è certo mettendo in atto palesi violazioni dello stesso che si fanno gli interessi della collettività. Il Dirigente del Commissariato tenga conto dei diritti dei lavoratori ed equilibri necessari ad un sereno svolgimento dell’attività professionale: in particolare NON TOLLEREMO PIU’ atteggiamenti dirigenziali “fuori dalle regole” come accade sempre più sovente presso il Commissariato dove, per garantire la presenza della “Volante” sul territorio, il personale viene impiegato impropriamente causando grave nocumento alla funzionalità istituzionale del presidio (mancate ricezione denunce, esposti, rilascio licenze e altri provvedimenti amministrativi), “soluzioni” che hanno visto già far partire sfavillanti carriere ma pagate sulla pelle dei colleghi.

Tuttavia, nonostante vi siano state delle “richieste volontarie” risulta che sia stato utilizzato il personale in violazione all’A.N.Q., così come già detto nel precedente comunicato, si procederà ad un accesso atti al fine di dimostrare quanto sostenuto.

Questa O. S. approfondirà l’argomento al fine di ristabilire un equilibrio all’interno del Commissariato dando mandato al legale per procedere, ed eventualmente denunciare le violazioni riscontrate, al Giudice del Lavoro.

Per La Segreteria Provinciale
Silp Cgil Genova
Roberto Traverso