Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Botte nel bar, la scopa diventa un’arma: 34enne finisce all’ospedale

Genova. Stava terminando le pulizie nel bar in cui lavora, quando si sono avvicinati due cittadini tunisini chiedendo di poter acquistare delle birre. L’uomo, un egiziano di 26 anni, ha spiegato loro che l’esercizio era già chiuso e che lui, comunque, non era autorizzato alla vendita della merce. I due tunisini, a quel punto, si sono infuriati e dopo averlo insultato lo hanno percosso con una testata.

L’aggredito, utilizzando la scopa usata per le pulizie, ha reagito colpendo uno dei due uomini che è rimasto a terra ferito, mentre l’altro si è dato alla fuga tallonato da alcuni connazionali dell’egiziano sopraggiunti nel frattempo. I poliziotti delle volanti, immediatamente intervenuti, hanno ricostruito l’accaduto rintracciando nei pressi del luogo in cui si era consumata l’aggressione l’egiziano.

Lo stesso è stato accompagnato in Questura e denunciato per lesioni aggravate. Durante le fasi dell’identificazione, l’uomo ha esibito la fotocopia della carta d’identità del fratello alla quale aveva sostituito la fotografia, apponendo la propria. Per questo motivo è stato denunciato anche per il reato di sostituzione di persona. Il ferito, un 34enne, è stato soccorso dai militi del 118 e trasportato presso il l’ospedale di Villa Scassi, dove si trova tutt’ora.