Cronaca

Una sola licenza per 12 parrucchieri, per giunta scritta in dialetto siciliano: denunciati parrucchieri cinesi

Parrucchiere

Genova. Quello dei parrucchieri cinesi è la più recente frontiera varcata dalle attività economiche inaugurate da persone provenienti dall’estremo oriente. Prezzi accattivanti, orari molto flessibili. Qualità del servizio che alcuni non esitano a definire ottima e altri pessima.

La burocrazia che stritola le aziende e le regole che impone riguarda però tutti. Dodici parrucchieri cinesi che hanno aperto negozi nel centro cittadino sono stati denunciati dai carabinieri del Nas di Genova per essere stati sorpresi a lavorare senza avere i necessari requisiti.

In particolare, secondo quanto accertato dai militari i parrucchieri erano di fatto “abusivi”. L’autorizzazione di cui erano in possesso, autenticata dalla Regione Sicilia, era per tutti uguale e si è rivelata poi falsa.

Ad attirare l’attenzione dei militari sono stati alcuni passaggi di questo documento scritti in dialetto siciliano. Per questo i cittadini asiatici sono stati segnalati in Procura e dovranno rispondere del reato di falso in atto pubblico.

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Genova24 è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Genova24 di restare un giornale gratuito.