Quantcast
Economia

In calo edilizia e turismo, promossi porto e Acquario: i numeri di Genova, tra luci e ombre

Genova. Un leggero aumento della popolazione, meno decessi, meno nascite, meno matrimoni. Più immigrazione e più cassa integrazione ordinaria, accompagnati da un leggero calo del turismo (eccezion fatta per l’Acquario) e un segno più nei traffici portuali. Sono le luci e le ombre del primo numero del 2014 del Notiziario Statistico del Comune di Genova, che riporta i dati relativi ai primi tre mesi dell’anno in corso per il capoluogo ligure.

Al 31 marzo 2014, la popolazione è di 595.613 unità, con un incremento di 14.890 unità (il 2,6 per cento in più) rispetto ai 580.723 di marzo 2013.
L’andamento demografico del primo trimestre dell’anno, rispetto al primo trimestre del 2013, è caratterizzato da una diminuzione sia delle nascite (il 3,5 per cento in meno) sia dei decessi (il 4,6 per cento in meno). Il saldo naturale, negativo, è passato da -1.231 unità del primo trimestre del 2013 a -1.164 unità del primo trimestre del 2014.

I dati relativi al movimento migratorio hanno registrato un aumento delle immigrazioni (+1,3 per cento) e una diminuzione delle emigrazioni (-7,0 per cento). Il saldo migratorio si mantiene negativo e passa da -754 unità dei primi tre mesi del 2013 a -447 unità dei primi tre mesi del 2014.
I matrimoni celebrati nel Comune di Genova nel primo trimestre del 2014 hanno registrato un lieve calo: sono stati 154, rispetto ai 166 del pari periodo del 2013 (12 in meno, pari a -7,2 per cento).
In aumento gli scioglimenti di matrimonio, che sono passati da 149 a 194 (45 in più, con un incremento del 30,2 per cento).

Per quanto riguarda l’andamento dell’economia e del lavoro, il numero di ore autorizzate dalla Cassa Integrazione in provincia di Genova nel periodo gennaio-marzo 2014 ha registrato una diminuzione del 34,8 per cento: le ore autorizzate sono state 995.447 in meno rispetto agli stessi mesi del 2013.

La diminuzione interessa gli interventi straordinari (-51,8 per cento) e in deroga (-23,5 per cento), mentre gli interventi ordinari risultano in aumento (+25,3 per cento).

Nel Porto di Genova, nel periodo gennaio-marzo 2014, si è registrato, rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, un aumento dell’imbarco per le merci in colli e a numero (+1,8 per cento) e una diminuzione per bunkers e provviste (-7,3 per cento) e per gli oli minerali e le rinfuse (-12,8 per cento). Per quanto riguarda gli sbarchi, si è registrato un aumento per le merci in colli e a numero (+6,3 per cento) e per le altre rinfuse (+7,9 per cento) e una diminuzione per gli oli minerali alla rinfusa (-7,0 per cento).
Dati positivi per il movimento dei contenitori (pieni + vuoti), con un aumento sia dei dati relativi allo sbarco (+6,1 per cento) sia di quelli relativi all’imbarco (+2,2 per cento): complessivamente il movimento containers è aumentato del 4,1 per cento.

Per quanto riguarda il traffico passeggeri, il dato è negativo con una diminuzione complessiva del 13,7 per cento rispetto al primo trimestre 2013. Il traffico per le crociere è diminuito del 18,6 per cento, mentre per i traghetti la diminuzione si è attestata al 9,3 per cento.
Da tener presente che per le crociere il dato comprende, oltre ai passeggeri imbarcati e sbarcati, anche quelli in transito.

Per quanto riguarda il turismo, negli esercizi alberghieri ed extralberghieri del comune di Genova nel primo trimestre del 2014 si è registrata una diminuzione sia sugli arrivi (-2.550 unità, corrispondente all’1,9 per cento in meno) sia sulle presenze, misurate in giorni di permanenza, (-3.581, pari all’1,3 per cento in meno) rispetto al primo trimestre dello scorso anno. La componente straniera è risultata in calo sia sugli arrivi (-2.832, il 6 per cento in meno), sia sulle presenze (-5.119, il 5,4 per cento in meno).

Il calo del turismo nel primo trimestre dell’anno in corso rispetto allo stesso periodo del 2013 è riconducibile al diverso periodo delle vacanze pasquali: lo scorso anno si erano avute alla fine di marzo, mentre quest’anno sono arrivate ad aprile inoltrato, già nel secondo trimestre.
C’è da rilevare, comunque, un incremento dei visitatori dell’Acquario, che è da associare al nuovo padiglione dei delfini.

Per quanto riguarda l’edilizia, nel primo trimestre del 2014 i permessi di costruire rilasciati dal Comune, le DIA e le SCIA, sono stati 1.065 per l’edilizia residenziale e 218 per l’edilizia non residenziale. Nel primo trimestre del 2013 erano stati rispettivamente 1.272 e 95. Si sono avute, quindi, 207 opere in meno (pari a -16,3 per cento) per l’edilizia residenziale e 123 opere in più (pari a +129,5 per cento) per l’edilizia non residenziale.
Sono risultati in diminuzione i lavori ultimati (90 contro 624: -85,6 per cento) e in aumento quelli iniziati (906 contro 102: +788,2 per cento). Si è anche registrato un calo degli abusi edilizi, corrispondente al 9,6 per cento.
In diminuzione, infine, il tasso di inflazione tendenziale dell’indice dei prezzi al consumo per l’intera collettività (NIC) relativo alla città di Genova (calcolato al lordo dei consumi di tabacco), che è passato dal 2,5 per cento di marzo 2013 allo 0,6 per cento di marzo 2014.