Quantcast
Politica

Servizio idrico integrato, i piccoli Comuni devono decidere: i Movimenti per l’acqua chiedono moratoria alla Regione

Liguria. Il coordinamento ligure dei Movimenti per l’Acqua reputa critica l’obbligo per i comuni al di sotto dei 3.000 abitanti di dover decidere entro domani, il 24 giugno, di continuare a gestire in modo autonomo o in forma associata con altri comuni il servizio idrico integrato, così come stabilito dalla Legge Regionale n° 1 del 24 febbraio 2014.

“Molti sindaci sono stati eletti esattamente un mese fa ed ha poco senso chiedere loro di prendere una decisione di questa portata in tempi così stretti” affermano dal coordinamento ligure.

“Chiediamo alla Regione Liguria, al presidente Burlando e agli assessori competenti di predisporre una moratoria di almeno 120 giorni per dar modo ai consigli comunali di approfondire la questione e prendere una decisione con serenità”.

“Non è con le imposizioni e le urgenze che si risolvono i problemi, soprattutto quelli relativi ad un settore decisivo come è il servizio Idrico e, più in generale, il governo dell’acqua” conclude il coordinamento.

Più informazioni