Quantcast

Relitto Costa Concordia, derby Genova-Piombino alle battute finali: domani la conferenza dei servizi

Genova. Manca poco al 25 giugno, un giorno appena. L’attesa è però altissima, sia a Genova, sia a Piombino. Le due città si giocano l’arrivo della Costa Concordia, della nave che giace ormai relitto all’Isola del Giglio. Domani si terrà la conferenza dei servizi che dovrà assegnare le operazioni di smantellamento: finalmente, dopo mesi, arriverà un voto.

Voto che però rischia di non essere decisivo: il governatore della Toscana Rossi, infatti, non ha nascosto tutta la sua contrarietà nei confronti dell’ipotesi Genova ed è pronto a votare a sfavore. Senza unanimità la palla passa in mano al governo Renzi, che a quel punto dovrà decidere irrevocabilmente, si pensa entro fine mese.

Genova è dunque in grande vantaggio, ma non convince tutti. E se da più parti si ricorda che l’alternativa è vedere la Concordia smantellata all’estero, negli ultimi giorni a favore di Piombino si sono espressi il sindaco di Forte dei Marmi (“Il maggiore problema – ha detto – è la possibilità di inquinamento ambientale in un periodo di alta stagione come
quello di luglio, in cui è stato deciso di effettuare il trasporto del relitto”) e del Pd della Valdicornia che è salito su un rimorchiatore che ha percorso la rotta Giglio-Genova, proprio per dimostrare gli svantaggi di una simile scelta.

Dalla parte del capoluogo ligure pesa comunque anche la scelta di Costa Crociere, che presenterà un nuovo dossier, e la valutazione che, mentre il relitto sarà in grado di galleggiare a breve, il porto di Piombino non sarà pronto per ospitarlo se non alla fine dell’anno.

“Non ho capito bene – aveva replicato solo pochi giorni fa Claudio Burlando, presidente della Regione Liguria – cosa vogliano: che la nave rimanga ad aspettare Piombino? E se accade qualcosa? Non è che il relitto può essere lasciato galleggiare lì per dei mesi”. Il derby per la Costa Concordia tra Genova e Piombino è alle battute conclusive: il fischio d’inizio è previsto per domani.