Quantcast
Cronaca

Pegli, da mesi rubavano rame e lo nascondevano in una buca: fuggiaschi inseguiti e denunciati

Pegli. Ieri sera la sala operativa della Questura ha inviato tre volanti a Pegli, dove erano stati segnalati ladri in azione. In particolare era stata indicata la presenza di 4 uomini che avevano scavalcato la recinzione di un’area adibita a deposito di materiale. Il richiedente aveva aggiunto che i 4 avevano depositato, in un’auto parcheggiata nelle vicinanze, degli aggetti che avevano al seguito.

L’equipaggio della prima volante, giunta sul posto, ha subito notato, nei pressi di un’auto con targa francese posteggiata vicino al deposito, 2 individui corrispondenti alla descrizione. I due, alla vista dell’auto della Polizia, si sono dati alla fuga scavalcando la recinzione che delimita un edificio abbandonato. La loro fuga è durata poco, però. Le altre due volanti che stavano raggiungendo il luogo della segnalazione percorrendo strade limitrofe, li hanno infatti subito individuati e bloccati.

Immediati gli accertamenti sull’autovettura, al cui interno sono state rinvenute diverse bobine di rame. Altrettante bobine sono state rinvenute dagli agenti nascoste in una buca, coperta da alcune assi, scavata nel terreno nei pressi dell’edificio adiacente in disuso. I fuggiaschi, due cittadini rumeni di 23 e 27, sono stati accompagnati in Questura per l’identificazione. Al termine degli accertamenti, a carico del più anziano dei due sono emersi diversi precedenti per furto di rame.

Gli agenti hanno anche ricostruito la dinamica dei furti che andrebbero avanti ormai da qualche mese: il rame, trafugato dal deposito, veniva trasportato ed occultato nella buca scavata nell’area in disuso per essere successivamente caricato su un’auto. I due rumeni sono stati denunciati per furto aggravato continuato in concorso.

Più informazioni