Quantcast
Cronaca

“Io sto con il Buridda”, dalla rete alla piazza la protesta continua: oggi corteo in centro

Genova. Oltre cinquemila “mi piace” in poco più di due giorni sulla pagina Facebook, una nuova campagna di “selfie” virale e una sola parola d’ordine: “Io sto con il Buridda”.

A tre giorni dallo sgombero del centro sociale di via Bertani, le iniziative di protesta non si placano: dopo il corteo per le vie cittadine di mercoledì pomeriggio, immediata risposta allo sgombero inaspettato della mattina, l’assedio a palazzo Tursi di giovedì, ieri sera in moltissimi si sono ritrovati davanti al teatro della Tosse per un evento musicale e per dire “Sgomberate il Lsoa Buridda, ci riprendiamo la città”.

Ma è solo il primo di una serie di appuntamenti che seguiranno almeno fino a sabato prossimo, giorno fissato per la “Street Parade della città di sotto”. E già oggi, alle 15, un nuovo corteo sfilerà per il centro cittadino da piazza De Ferrari. Lunedì sera, invece, nuova assemblea pubblica in piazza, mentre mercoledì alle 16 l’appuntamento per la manifestazione è a Caricamento.

Alle azioni in strada si aggiunge poi il tam tam virale della rete. Una protesta virtuale altrettanto efficace e molto pervasiva. Due gli hashtag che impazzano sui canali Twitter genovesi: #BuriddaVive e #marcodorianonlosapeva, quest’ultimo in riferimento alle pagine nate ieri, quasi in contemporanea, su Facebook: “Marco Doria che non sa le cose” e “Marco Doria che non sa cose”. Nel mirino sempre il sindaco di Genova e le sue affermazioni sullo sgombero del Buridda.

Sulla pagina Facebook “Salviamo il Buridda”, invece, impazzano i selfie di solidarietà: “non ci aspettavamo di ricevere tutto questo materiale! Appena possibile cercheremo di raggruppare tutte le foto in unico album”, scrivono gli amministratori. A essere immortalati con il foglio in mano “io sto con il Buridda #Buriddavive”, oltre a persone di ogni età, anche gatti, cani, e qualche testimonial d’eccezione.

Più informazioni